Raggi e Mattarella il 25 aprile
Raggi e Mattarella il 25 aprile

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, in occasione della Festa della Liberazione ha postato su Twitter un video delle Frecce Tricolori in volo sopra il centro storico della Capitale e un messaggio. "Oggi #25aprile ricordiamo il sacrificio di chi ha contribuito alla costruzione di una società libera e democratica - ha scritto Raggi -. Roma sarà sempre orgogliosamente antifascista e porterà avanti l'idea di una comunità solidale e inclusiva contro ogni forma di violenza e sopraffazione". 

La sindaca ha successivamente postato una foto scattata insieme al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella durante la deposizione della corona commemorativa del rastrellamento al Quadraro questa mattina. “Roma non dimentica”, il commento.

Punto informativo sulla Resistenza

Il Campidoglio ha anche diffuso una nota in cui ha reso noto cheil civico 38 di Via dei Giubbonari diventerà un punto informativo sulla Resistenza. L’edificio è infatti dedicato a Guido Rattoppatore, uno dei partigiani uccisi nell’eccidio di Forte Bravetta. Il punto sarà aperto a tutti i cittadini che potranno così informarsi sul movimento di Resistenza di Roma. Il punto informativo nasce dall'intesa tra l'Assessorato alla Crescita culturale e l'Assessorato al Patrimonio e alle Politiche abitative di Roma Capitale. 

Le parole della sindaca e delle assessore

"Quest'anno celebriamo il 25 aprile e annunciamo questo bellissimo progetto per la città. Non dimenticare il nostro passato comune significa essere più forti. Perché senza memoria non c'è futuro", ha dichiarato la sindaca Raggi a proposito del progetto. Anche Lorenza Fruci, assessora alla Crescita culturale ha commentato: "Sono orgogliosa di poter far sapere ai cittadini che Roma avrà un nuovo luogo dove conoscere, scoprire e approfondire il comune passato, per guardare al domani con più consapevolezza". Infine le parole dell’assessora al patrimonio e alle politiche abitative, Valentina Vivarelli: “Ci sono immobili la cui funzione storica e sociale è talmente permeata nel tessuto di una città da dare identità al proprio territorio e ai propri cittadini. Questo è il caso di via dei Giubbonari. Roma è città aperta e antifascista e via dei Giubbonari è un luogo che rappresenta fortemente questi valori”.