L'intervento della forze dell'ordine
L'intervento della forze dell'ordine

Roma, 6 luglio 2021 – Arrestato a Trastevere durante un controllo antimovida, un 19enne violento è stato interdetto dalla zona: per due anni non potrà frequentare il quartiere per condotta pericolosa. Aveva devastato la vetrina di un locale e aggredito i carabinieri, intervenuto per sedarlo. Un gesto di violenza incontrollata esplosa di fronte al rifiuto di un barista a vendergli altro alcol.

L'arresto era avvenuto all'inizio del mese a Roma, quando gli agenti del commissariato Trastevere, mentre controllavano un esercizio pubblico ancora aperto nonostante fossero passate le due di notte, hanno intercettato un giovane che, giunto nel locale, pretendeva che il gestore gli vendesse degli alcolici.

Il barista ha cercato di spiegare al ragazzo che il negozio era chiuso, ma il cliente ha iniziato ad alterarsi ed a colpire violentemente la vetrina del locale. La rabbia del giovane si è poi spostata
sugli agenti immediatamente intervenuti, che l'hanno poi tratto in arresto.

A causa della sua pericolosa condotta, parallelamente al procedimento penale, dopo un'istruttoria della Divisione Polizia Anticrimine, diretta da Angela Altamura, il Questore ha emesso un provvedimento di Divieto di accesso alle aree Urbane che impone al 19enne di non frequentare
per due anni l'area di Trastevere. L'inosservanza del provvedimento prevede la reclusione da 6 mesi a 2 anni e una multa da 8 a 20 mila euro.