I carabinieri sono alla caccia di un bandito dell’Est Europa (foto Newpress)
I carabinieri sono alla caccia di un bandito dell’Est Europa (foto Newpress)

Anzola Emilia (Bologna), 20 dicembre 2014 - E’ diventata vittima della propria gentilezza e invece di impaurirsi di fronte a uno sconosciuto ha pensato che l’uomo volesse chiederle informazioni. Invece era un bandito, l’uomo che ieri ha bloccato una donna di 60 anni residente a Castelfranco, nel Modenese, mentre stava salendo in auto e l’ha rapinata della vettura. Erano circa le 17 quando, ad Anzola, la donna si stava apprestando a tornare a casa a bordo della sua Renault Megane.

Un uomo (probabilmente dell’Est Europa) si è accostato al finestrino e, minacciandola con una pistola, ha costretta la vittima a scendere dall’auto. «Scendi dall’auto, se no finisce male», avrebbe detto il bandito. Salito sulla Renault Megane bianca si è allontanato in pochi secondi facendo perdere le sue tracce. La donna ha subito contattato la stazione dei carabinieri di Anzola, che hanno effettuato i rilievi e accompagnato la sessantenne in caserma per sporgere denuncia e descrivere in modo sommario il criminale. La donna, in evidente stato di choc, è riuscita a fatica a fornire un identikit del bandito.

La castelfranchese stava tornando a casa dopo essere stata in visita a un’amica e si è trovata invece immersa in un incubo ad occhi aperti: una pistola puntata al volto come in una scena di un film. Una storia che ha faticato a raccontare agli uomini dell’Arma, una vicenda che non sembra nemmeno provenire da una cittadina come Anzola, dove però ultimamente la criminalità si sta facendo avvertire in modo sempre più tangibile.