Carmignano, 29 gennaio 2015 - Persino in pieno inverno per Nicola Fanelli è impossibile resistere alla fuga. Nicola si è nuovamente allontanato da Carmignano e dalla struttura che da tanto tempo lo ospita. Lo scorso anno l'uomo (50 anni) si allontanò per due volte, l'ultima il 21 ottobre scorso e del suo caso si interessò anche la trasmissione “Chi l'ha visto?”. Lo ritrovarono tre giorni dopo a Salerno. La volta precedente la Polfer lo individuò alla stazione di Padova perché Nicola predilige i treni per le sue fughe. Forze dell'ordine e volontari della Vab l'avevano cercato giorno e notte sul tutto il territorio e nei boschi del Montalbano poiché era freddo e c'era timore che non potesse passare le notti all'aperto. Ma Nicola aveva già preso l'autobus e poi il treno. Il Fanelli ieri si è allontanato alle 13 da Rigoccioli, la struttura dove vive che è gestita dalla cooperativa Humanitas di Prato.

Il Fanelli è un uomo tranquillo, non è aggressivo ma deve prendere medicine. Porta il pizzetto brizzolato e quando è uscito indossava pantaloni verdi, maglia marrone con banda bianca, borsetto color bordeaux a tracolla. E purtroppo, nonostante il freddo, nessuna giacca o giubbotto. Porta anche occhiali da vista e parla lentamente. La sorella ha lanciato l'appello su Facebook: chi lo veda avvisi direttamente le forze dell'ordine (112, 113). L'uomo negli anni passati aveva pure rubato delle automobili per fuggire ma nelle ultime occasioni ha preso sempre l'autobus e poi il treno. L'appello è rivolto quindi in particolare agli autisti della Cap e al personale delle ferrovie. I carabinieri hanno iniziato le ricerche e sono state allertate anche le polizie municipali.