La tabaccheria si trova in via Porrettana 445, quartiere San Biagio. Aveva subito un altro furto il 20 dicembre
La tabaccheria si trova in via Porrettana 445, quartiere San Biagio. Aveva subito un altro furto il 20 dicembre

Bologna, 29 dicembre 2014 - SVALIGIATA nella notte la tabaccheria Pellacani in via Porrettana 445, nel quartiere San Biagio a Casalecchio. È il secondo colpo messo a segno nel giro di una settimana. Uno dei componenti della banda di ladri è stato arrestato dai carabinieri per furto aggravato in concorso, al termine di un inseguimento. È un rumeno di quarant’anni che stamattina sarà processato per direttissima. Gli altri sono fuggiti con il bottino: circa 13mila euro tra sigarette e gratta e vinci. I carabinieri gli stanno dando la caccia.

LA TABACCHERIA di via Porrettana 445 era già finita nel mirino dei ladri la notte del 20 dicembre. Anche in quel caso gli autori hanno forzato la saracinesca e rubato gratta e vinci e sigarette. Quando i carabinieri sono arrivati sul posto, allertati da alcuni vicini che hanno sentito i rumori, i ladri erano già fuggiti.

L’altra notte, invece, gli è andata male. Due pattuglie dei carabinieri sono intervenute verso le due e mezza perché l’allarme scattato all’interno dell’esercizio era collegato con la centrale del 112. In contemporanea, sono arrivate diverse chiamate da chi vive vicino alla tabaccheria, preoccupato per i rumori. Chi ha datto l’allarme ha raccontato di vedere alcune persone che caricavano la refurtiva su un furgone bianco.

I MILITARI sono arrivati sul posto in pochi minuti e si sono messi sulle tracce del furgone bianco che nel frattempo si era allontanato. Lo hanno intercettato poco distante dalla tabaccheria, all’altezza di via Marzabotto. Ad un certo punto il mezzo si è fermato e sono scesi due soggetti. I carabinieri del Nucleo Radiomobile li hanno inseguiti nei campi, mentre si disfavano di parte della refurtiva che avevano addosso. Uno dei due, il rumeno appunto, è stato bloccato e arrestato. La refurtiva recuperata ammonta a circa mille euro. Dell’accaduto è stato informato il pm di turno Marco Forte.