Carnevale di Cento (Foto Businesspress)
Carnevale di Cento (Foto Businesspress)

Cento (Ferrara), 1 febbraio 2015 - Il count down è giunto al termine. Alle 14,30 circa, su piazzale Bonzagni si riaccenderanno i riflettori sulla festa più trasgressiva dell’anno a Cento, pronta alla ripartenza, dopo lo stop forzato del 2014. L’atmosfera è febbrile all’interno degli hangar di via Manin, dove i carristi delle società Mazalora, Riscatto, Risveglio, Ragazzi del Guercino, Ribelli (coi Toponi che parteciperanno con un gazebo, dove distribuiranno gnocchini per i visitatori) stanno effettuando le ultime operazioni sui carri allegorici che animeranno il circuito tra le vie Malagodi, Ugo Bassi e IV Novembre, con balli, musica, coriandoli e il gettito dalle torri dei ‘giganti di cartapesta’ realizzati a tempi di record. Tutto per riaccendere i motori dell’evento che ha reso celebre la città nel Mondo.

E chi non vede l’ora di salire sul palco realizzato in piazzale Bonzagni è senza dubbio lui, il patron del Cento Carnevale d’Europa Ivano Manservisi (chiamato dall’Ente territorio Fiera e manifestazioni a curare l’organizzazione dell’evento), che è pronto a togliere dall’armadio il suo immancabile mantello rosso e ad accogliere il pubblico, che in questa prima domenica potrà entrare gratuitamente all’evento, mentre nelle altre quattro domeniche il biglietto costerà 10 euro. Al suo fianco ci sarà il figlio Riccardo, che ha sulle spalle la direzione artistica dell’evento, l’esplosiva Patrizia Po che aiuterà il patron nella conduzione della festa, al pari di Leonello di Radio Bruno, l’emittente ufficiale del carnevale.

A Far ballare l’intera piazza, a ritmo di liscio e pop-folk, ci penserà la Mirko Casadei Beach Band che porterà il sole della Romagna a Cento. E nell’occasione avrà un musicista d’eccezione tra le sue fila: direttamente dal fortunato programma Sky, Masterchef, ci sarà Joe Bastianich, implacabile giudice dei cuochi che partecipano alla trasmissione, ma anche bravo musicista. Gli ingredienti per far ripartire la festa ci sono tutti e nelle prossime settimane non mancheranno le sorprese ad accompagnare la kermesse.

La prima già domenica prossima, quando una grande rappresentanza del Gruppo Leone di San Marco, dei gruppi dell’Anmi (Associazione Nazionale Marinai d’Italia) e delle associazioni d’arma italiane sfileranno in centro storico, sino al palco, dove diventeranno portatori di solidarietà per i due marò trattenuti in India Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. A loro si uniranno autorità e i giornalisti corrispondenti di guerra Toni Capuozzo (Mediaset), Chiara Giannini (Libero) e Carlotta Ricci (Rai News 24).