Roma, 23 ottobre 2012 - Non accenna a placarsi la polemica - alimentata anche dall'ira dei giovani sul web - in merito alle uscite del ministro del Lavoro{{WIKILINK}} Elsa Fornero{{/WIKILINK}}, che prima ha detto di voler andare in piazza con la Cgil 'se invitata, e poi si è appellata ai giovani dicendo di non 'essere schizzinosi' nella ricerca del lavoro.

BONANNI - “I giovani non sono mai stati schizzinosi. Affrontano le situazioni senza pregiudizi e calcoli”, ribatte il leader della Cisl, {{WIKILINK}}Raffaele Bonanni{{/WIKILINK}}, ha commentato l’uscita del ministro del Welfare. Bonanni ha sottolineato che l’affermazione di Fornero “non mi pare fondata. C’è piuttosto un problema che riguarda le famiglie e l’orientamento che devono dare ai loro giovani, che non mi pare facciano calcoli per il futuro come la nostra indagine dimostra”. Bonanni ha aggiunto che “non si sta facendo abbastanza per i giovani. C’è una Italia seduta che guarda solo all’indietro”.


PASSERA  - Il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, “è stata sicuramente malintesa” su quanto detto in merito ai giovani, la difende il ministro dello Sviluppo economico, {{WIKILINK}}Corrado Passera{{/WIKILINK}}, liquidando così una domanda relativa alle dichiarazioni di ieri del ministro del Lavoro che ha definito i giovani schizzinosi nella ricerca del primo impiego.


CAMUSSO  - Quanto alla battuta sul ministro che scende in piazza se invitata, la leader Cgil {{WIKILINK}}Susanna Camusso {{/WIKILINK}}risponde: “Le manifestazioni non vanno per inviti”, dice riferendosi - come ha fatto il ministro, alla manifestazione del prossimo 14 novembre indetta dal sindacato. Camusso é a Cagliari per partecipare a un`assemblea della Camera del lavoro.

Quanto poi ai giovani schizzinosi, “non sono schizzinosi ma esclusi e le famiglie non ce la fanno più ad andare avanti”, scrive la Camusso su Twitter. “I modi con cui si definiscono lavori e lavoretti - scrive ancora- è insopportabile, di grande disprezzo per le persone che vivono di quei lavori”. Camusso conclude: “Vedo un Paese che non sta pensando che il futuro può essere dei giovani e bisogna dargli spazio”.

VENDOLA SCHIZZINOSO - "Se vinco le primarie del centrosinistra prometto alla Fornero che nella scelta dei ministri sarò molto più schizzinoso (o "choosy", come dice lei) di Monti", scrive {{WIKILINK}}Nichi Vendola {{/WIKILINK}}su Twitter, in merito alle polemiche scatenate dalle affermazioni del ministro Fornero sui giovani

DON GALLO - "I giovani italiani non sono schizzinosi nella scelta del lavoro, sono senza futuro", precisa Don Andrea Gallo via twitter rispondendo all’invito rivolto ieri ai giovani italiani dal ministro del Lavoro Elsa Fornero, che li ha invitati a "non essere choosy" (schizzinosi).

GRILLO - “Non bisogna mai essere troppo ‘choosy’ (difficile da accontentare, ndr), meglio prendere la prima offerta e poi vedere da dentro e non aspettare il posto ideale ha detto la Fornero a disoccupati, esodati, licenziati e precari e futuri emigranti. La platea di ‘choosy’ che la ascoltava a Nichelino non l’ha presa troppo bene e l’ha contestata. Un posto di lavoro da vedere da dentro (ma anche da fuori) è un miraggio”. Cosi’ Beppe Grillo in un post sul suo blog dal titolo ‘Speedy Fornero’.
La ministra, continua il leader di M5S, “ha dovuto trasformarsi in ‘speedy Fornero’ e darsi alla fuga. I disoccupati senza futuro non si sentivano infatti cosi’ ‘choosy’ come li dipingeva la Fornero che ha poi fatto sapere con il suo linguaggio ‘trendy’: il ministro e’ disposto a vedere i lavoratori in una stanza, ma solo persone disposte a colloquiare. Chi e’ ‘choosy’ rimanga fuori dalla stanza!”.