Di Maio, Salvini, Conte (Ansa)
Di Maio, Salvini, Conte (Ansa)

Roma, 11 giugno 2019 - "Fate fare a me e a Tria", ha detto Conte ieri sera ai due vice che invece fanno di tutto per decidere loro come deve regolarsi l’Italia nella trattativa con l’Europa. Il presidente del Consiglio non ci sta a fare la parte del vaso di coccio e a rompere con Bruxelles, così nel primo vertice dopo il voto a Palazzo Chigi con Salvini e Di Maio, chiede carta bianca facendo capire che le sue dimissioni sono tutt’altro che escluse: "A portare messaggi di guerra, chiedendo di sforare il 3% io non vado". Dopo due ore di discussione, ottiene una tregua armata dai suoi ospiti: entrambi gli garantiscono che "evitare l’infrazione è un obiettivo comune", dunque Conte segna un punto. Nei prossimi giorni ci sarà una riunione con Tria e i tecnici del Mef per trovare una strategia condivisa per evitare la procedura e impostare una manovra assieme. Ma i due mettono paletti che il leader leghista riassume così: "Bisogna garantire la crescita, il diritto al lavoro e il taglio delle tasse. Non ci sarà nessuna manovra correttiva e nessun aumento di tasse".

In quindici giorni è cambiato lo scenario. Non più Lega contro M5s, ma i due capitani giallo-verdi a far muro contro il premier. Che in piena sintonia con il Quirinale, il Mef e il ministero degli Esteri considera proibitiva ogni tentazione di sfidare la commissione europea. "Io non voglio un governo debole con la Ue", ripete Salvini. A quel tavolo tutti sono ben consapevoli del fatto che il punto critico non è nei pochi miliardi necessari per tamponare lo scostamento nel deficit. La posta in gioco è la legge di bilancio: "Vediamo se quei tre miliardi di risparmi che arrivano da reddito di cittadinanza e quota 100 bastano: altrimenti vedrò io cosa fare", sottolinea Conte. E il ‘cosa fare’ riguarda prima di tutto la flat tax, ma anche una misura di minor impatto che suonerebbe oggi come uno schiaffo alla Ue e alla Bce di Draghi: i minibot. Ieri è proseguita la polemica, perché entrambi i soci sul punto martellano: "Tria ha letto che sono nel contratto di governo?", ripete il grillino Di Battista. E il leghista Borghi rincara: "Per questo li davo per scontati". Ma Conte replica: "Questa richiesta è una provocazione inutile per Bruxelles: non avendo sfondato in Europa, Salvini non ha grandi margini di manovra".

Alla determinazione che sembra animare Conte non pare corrispondere un atteggiamento altrettanto agguerrito dall’altra parte. O meglio: la maggioranza giallo-verde mostra i muscoli: "Nelle Camere decide la maggioranza, e quella ce l’hanno Di Maio e Salvini non Conte", fanno sapere i pentastellati. Poi il leader leghista avverte: "Non la tiro in lungo per crescere dello zero virgola". E a Di Maio che chiede il salario minimo risponde: "Prima si devono ridurre le tasse". Però non usa formule esplosive: il governo "va avanti". E negli ultimi due giorni ha sempre glissato sulla richiesta, imperativa fino a poco fa, di portare la flat tax oggi al consiglio dei ministri che varerà il decreto sicurezza.

Nella partita rientra inevitabilmente anche la nomina del Commissario. Conte ne ha parlato con Manfred Weber (candidato del Ppe alla presidenza della commissione Europea) che ha incontrato nel pomeriggio: «L’Italia – gli ha confermato – punta a un portafoglio economico (concorrenza, commercio o industria)». Il candidato naturale sarebbe Moavero, ma per la Lega suonerebbe come uno smacco: a via Bellerio molti i nomi che circolano, nella rosa Fontana e Giorgetti.