Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
30 mag 2022

Salvini in Russia, anche i vescovi freddi: "Iniziative unitarie o è solo retorica"

Il presidente della Cei prende le distanze dai protagonismi politici nella mediazione tra Ucraina e Mosca. Cresce il malumore all’interno dei leghisti: "Capuano nuovo consigliere del leader? Mai sentito parlarne"

30 mag 2022
elena g. polidori
Politica
Il segretario federale della Lega, Matteo Salvini, a Como per l'incontro con il candidato del centrodestra Giordano Molteni (S), 27 maggio 2022.
ANSA/MATTEO BAZZI
Il segretario federale della Lega, Matteo Salvini
Il segretario federale della Lega, Matteo Salvini, a Como per l'incontro con il candidato del centrodestra Giordano Molteni (S), 27 maggio 2022.
ANSA/MATTEO BAZZI
Il segretario federale della Lega, Matteo Salvini

Roma, 30 maggio 2022 - La missione di Matteo Salvini a Mosca continua a creare malumori anche se ancora non si riesce a capire se effettivamente il leader della Lega voglia volare da Putin oppure no, portando avanti lo strappo già apertosi nella maggioranza. Qual che è certo, però, è che è entrato nel dibattito sul tema anche il neo presidente dei vescovi italiani, il cardinale Matteo Zuppi: "Credo che il più possibile bisogna accordarsi nelle iniziative – ha sottolineato l’arcivescovo di Bologna – perché altrimenti rischiano di essere retoriche, rischiano di essere fatte solo per far vedere che si fa qualcosa, cosa che non è molto intelligente. L’unione di tanti sforzi, soprattutto a livello europeo e non solo, credo che sia l’indicazione indispensabile". Insomma, intervistato dal tg regionale, Zuppi ha lasciato intendere la sua preoccupazione politica, attaccando Salvini e un protagonismo fine a se stesso su cui il clima è sempre più teso. Ieri il segretario federale è rientrato a Roma, abbandonando il suo tour elettorale in Emilia, per concentrare tutte le sue energie su questa trasferta che però lo rende sempre più isolato nel governo e criticato all’interno della maggioranza. E anche tra i suoi alleati e nel suo stesso partito monta l’imbarazzo e prende corpo un crescente malumore. Dentro la Lega, ufficialmente bocche cucite. Ma i dubbi ci sono. In particolare, sono molti i leghisti a essere rimasti colpiti dall’apprendere dalla stampa del nuovo misterioso consulente del segretario, l’ex parlamentare azzurro, Antonio Capuano. "Sono in Parlamento da molte legislature – osserva sorpreso un deputato leghista molto esperto – e non ho mai sentito parlare di quest’uomo. Non ha mai partecipato a nessuna nostra iniziativa...". E c’è chi tra i leghisti ironizza sulla possibilità che un ex consigliere comunale di Frattaminore, in provincia di Napoli, possa avere ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?