Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Sergio Mattarella (LaPresse)

Roma, 9 settembre 2018 - Di Maio che non incontra ma telefona nella notte a Salvini, Conte che fa da paciere con entrambi, incassando il «grazie» di Salvini, il Quirinale che vigila e che, ovviamente, chiede a tutti i principali attori del governo di «abbassare i toni». Sembra finita bene la prima, vera, crisi di governo interna alla maggioranza. Eppure, proprio di vera crisi si è trattato. Tutto inizia quando Salvini attacca i giudici, arrabbiato e amareggiato per due decisioni che ancora gli bruciano: quelle del tribunale di Genova e della procure di Agrigento. Salvini, sabato, ci va giù duro: parla di «attacco politico dei magistrati», li sfotte («Io sono stato eletto, voi no») e i toni sembrano quelli del Berlusconi d’antan contro i giudici. I 5Stelle reagiscono male («Sei come Berlusconi», appunto), a partire dal ministro alla Giustizia Bonafede, l’Anm e il Csm insorgono. Ovviamente, Mattarella si preoccupa e telefona a tutti i protagonisti chiedendo di «abbassare i toni». Ma soprattutto Mattarella, che il Csm lo presiede, chiama Conte, chiedendogli un intervento ‘moderatore’. 

Sabato notte parte la telefonata di Di Maio a Salvini (non un «incontro», come ci tengono a sottolineare i salviniani): «Così non si parla dei magistrati che vanno rispettati».

La crisi esplode in pubblico, sui giornali, a colpi di interviste. Conte, e qui siamo a ieri, dal suo paese, Ceglie Messapica, prova (e riesce) a calmare gli animi di entrambi: «Da avvocato avrei difeso Salvini», dice, ma il sottotesto – sottolineano fonti del governo – è che il leader leghista si deve «comunque» sottomettere alla legge e alla giustizia. Salvini più tardi telefona a Conte e lo ringrazia per la solidarietà e la vicinanza espressa per le note vicende, mentre i suoi negano ogni incontro/scontro con Di Maio e sostengono che i rapporti tra i due vicepremier sono ottimi. In ogni caso, il leghista fa una vera mezza marcia indietro: «Non c’è alcun golpe giudiziario» e, allargando l’orizzonte, «conto di fare per almeno 5 anni il ministro dell’Interno». Traduzione: non porterò il Paese alle urne, non cerco crisi di governo.

Conte, questa volta da Cernobbio, cerca di rassicurare non solo gli italiani, ma anche, e soprattutto, gli investitori economici, la Ue, i mercati. Infine, dice anche che «siamo persone serie e non una banda di scriteriati» e questa sembra detta a nuora (Ue) perché suocera (Salvini) intenda.

Come al solito, però, è stato decisivo l’intervento silenzioso e discreto, ma energico, dell’inquilino del Colle: "Trovate il modo – recita – di spegnere l’incendio che avete appiccato". Mattarella avrebbe preferito, almeno da Salvini, una retromarcia più tempestiva, ma il monito vale per tutti. E presto Mattarella parlerà anche in chiaro: il 25 settembre presiederà la riunione del nuovo Csm, post era Legnini. In quell’occasione troverà di sicuro il modo per dire che la magistratura italiana e le sue sentenze "vanno rispettate". 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.