Sergio Mattarella al voto (LaPresse)
Sergio Mattarella al voto (LaPresse)

Roma, 5 marzo 2018 - Le elezioni politiche del 4 marzo 2018 sono (più o meno) in archivio. Per i risultati definitivi bisognerà aspettare ancora, ma già le proiezioni - confermate dai dati che arrivano dal Viminale - consentono di tracciare gli ipotetici scenari post-voto. 

Elezioni 2018, chi governa? Due maggioranze possibili

Elezioni 4 marzo, la reazione dei mercati

Elezioni, Renzi: "Chi nel Pd vuole governo con M5s lo dica"

OSA SUCCEDE ORA - Numeri alla mano, non sembra esserci una coalizione, o partito, con la maggioranza assoluta di 316 deputati e 158 senatori. E questo in nessuna delle due Camere. Il centrodestra ottiene più seggi sia al Senato (140 nella migliore delle ipotesi, secondo le proiezioni del Consorzio Opinio Italia), sia alla Camera (257 nello scenario più ottimistico). Ma resta ben lontano dall'asticella che permette di legittimare un governo. Il primo partito è di gran lunga il Movimento 5 Stelle che però potrà ottenere fino a 119 poltrone a Palazzo Madama e fino a 240 a Montecitorio. In mezzo il centrosinistra, con fino a 55 seggi al Senato e fino a 120 alla Camera. 

image

Se le forze politiche rimanessero fedeli alle dichiarazioni della campagna elettorale e di questa notte, sarebbe da escludere un appoggio di Pd e centrosinistra sia a un esecutivo di centrodestra, sia a un governo grillino. Anche se le probabili dimissioni di Renzi dalla segreteria (annunciate e poi smentite), potrebbero cambiare lo scenario. In entrambi i casi, va sottolineato, l'eventuale sostegno sarebbe sufficiente per raggiungere una maggioranza. "Il Pd dovrà decidere da che parte stare", ha detto D'Attorre (Leu) questa notte a Porta a Porta, aprendo implicitamente a un'alleanza coi 5 Stelle. Che da sola, però, non basta per governare. "Saremo all'opposizione", la linea del dem Ettore Rosato, ribadita senza tentennamenti. "Tutti dovranno parlare con noi", hanno invece detto a chiare lettere gli esponenti pentastellati commentando i risultati. "Siamo pronti a confrontarci sui contenuti, non sulle poltrone", il diktat grillino.

BOSCHI-BIANCOFIORE

image

Escluso il Pd, va valutata l'opzione più gettonata nei corridoi della politica: ovvero quella di una alleanza tra i 5 Stelle e la Lega di Salvini che uscirebbe in questo modo dalla coalizione di centrodestra. I numeri, nel caso, consentirebbero una larga maggioranza sia alla Camera, sia al Senato. E sarebbe la maggioranza più antieuropeista, considerato che nell'Europarlamento M5s sta con Farage e la Lega con Front National e Fpoe. Da via Bellerio trapela che l'intenzione di Salvini sarebbe quella di tentare tutte le strade possibili per formare un governo di centrodestra a guida Lega. Il Carroccio si confronterà "prima con gli alleati". Quel "prima" sembrerebbe lasciar presagire a un eventuale "dopo" con le altre forze in campo (evidentemente i 5 stelle), qualora la soluzione interna alla coalizione non fosse percorribile. Ma è lo stesso Salvini a smorzare l'ipotesi di intesa coi grillini, ribadendo in conferenza stampa di escludere "coalizioni strane" e confermando che "uso mantenere la parola data" e "la Lega ha vinto nel centrodestra e resterà alla guida del centrodestra". Il leader della Lega si è sentito di escludere "governi di scopo", ma si è detto pronto "ad ascoltare e incontrare tutti". Anche se "non mi piace cambiare squadra a partita in corso". Nel Carroccio, e nel centrodestra, confidano evidentemente di poter trovare in Parlamento i voti che mancano per legittimare una eventuale maggioranza. 

Risultati elezioni 2018, i seggi assegnati. 'Salvi' Boldrini e Minniti

Un'ulteriore ipotesi, non da scartare, sarebbe proprio quella del governo tecnico e di scopo non gradito a Salvini. Servirebbe però il sostegno di centrodestra e centrosinistra, con l'obiettivo di mettere a punto una legge elettorale per tornare al voto appena possibile. Operazione che potrebbe non essere nè semplice, nè veloce. Se la Lega dovesse cambiare idea, il Movimento cinque stelle sarebbe non determinante. La palla passa ora al presidente della Repubblica Mattarella che, sulla base di numeri e consultazioni, dovrà decidere se e a chi dare l'incarico per formare un nuovo governo. Prima, però, c'è la partita delle presidenze delle Camere - essendo la prima votazione  fissata per venerdì 23 marzo -, ed è ovviamente tutta ancora da giocare nelle prossime settimane. E su questo fronte, va sottolineato, anche il rigido Movimento 5 Stelle potrebbe concedere qualcosa agli attuali avversari in cambio, magari, di un appoggio esterno o di un patto di non belligeranza. Un banco di prova, quello per eleggere i numeri uno di Palazzo Madama e Montecitorio, che potrebbe servire a 'testare' eventuali alleanze di governo. 

VAI ALLO SPECIALE ELEZIONI: TUTTI I RISULTATI

Risultati camera: lo spoglio in tempo reale

Risultati Senato: lo spoglio in tempo reale

Proiezioni realizzate dal Consorzio Opinio Italia (Istituto Piepoli, Emg e Noto Sondaggi) per la Rai.

SENATO PARTITI (proiezioni definitive )

M5s: 32,5% - Seggi 109-119
Pd: 19,2% - Seggi 44-46
Lega: 16,2% - Seggi 58-60
Forza Italia: 14%- Seggi 46-52
Fratelli d'Italia: 4,1% - Seggi 19-25
Liberi e Uguali: 3,5% - Seggi 7-11
+Europa Bonino- Cd: 2,3% - Seggi  0-2
Noi con l'Italia-Udc: 1,2% - Seggi 2-4
Svp - Seggi 2-4
Civica popolare Lorenzin  0,6% - Seggi 0-2
Italia Europa Insieme: 0,6% - Seggi 0-2
Elezioni 4 marzo, il Pd va a picco. Renzi a un passo dall'addio

Elezioni 4 marzo, Movimento 5 Stelle esulta. "Tutti dovranno parlare con noi"

SENATO COALIZIONI  (proiezioni definitive)

Centrodestra: 35,5% - Seggi 128-140
Movimento 5 Stelle: 32,9% - Seggi 109 -119
Centrosinistra: 22,8% - Seggi 47-55
Liberi e Uguali: 3,6% - Seggi 7-11
Altre: 4,8% - Seggi 0-2

Elezioni 4 marzo 2018, Martina: "Per il Pd sconfitta chiara e netta"

CAMERA PARTITI (proiezioni definitive)

M5s: 32,9% - Seggi 230-240
Pd: 18,7% - Seggi 104-110
Lega: 17,2% - Seggi 115-123
Forza Italia: 13,4% - Seggi 99-105
Fratelli d'Italia: 4,2% - Seggi 24-32
Liberi e Uguali: 3,7% - Seggi 11-19
Civica popolare Lorenzin 2,6% - Seggi 1-3
Svp - Seggi 3-5
Noi con l'Italia-Udc: 1,2% - Seggi 2-4
+Europa Bonino- Cd: 0,6% - Seggi 0-2
 

CAMERA COALIZIONI (Proiezioni definitive)

Centrodestra: 36,4% - Seggi 247-257
Movimento 5 Stelle: 32,4% - Seggi 230-240
Centrosinistra: 22,9% - Seggi 110-120
Liberi e Uguali: 3,6% - Seggi 11-19
Altre: 4,7% - Seggi 0-2

Elezioni 4 marzo, l'affluenza definitiva

Elezioni 4 marzo 2018, Le Iene: "Compravendita di 3mila voti in Germania"

image

Roma, Di Battista sbaglia seggio

UMBRIA Alle urne nonnina di 106 anni. "Andate a votare tutti, io lo faccio dal 1946" / VIDEO

Elezioni 4 marzo 2018, come i voti diventano seggi

Dove finisce il tuo voto

Le soglie di sbarramento. Chi entra e chi esce

VIDEO Come vengono assegnati i seggi

image

Come funziona il Rosatellum. La legge elettorale spiegata bene

Elezioni 4 marzo 2018, i leader: Renzi, Berlusconi, Salvini, Di Maio e Grasso