Roma, 22 marzo 2018 - Domani iniziano le votazioni per l'elezione dei presidenti di Camera e Senato: a Palazzo Madama i senatori saranno chiamati in aula alle 10,30, a Montecitorio la seduta inizierà alle 11,30. I presidenti verranno eletti per schede e a scutinio segreto, ma in maniera differente. Al Senato presiederà il senatore a vita Giorgio Napolitano, a Montecitorio il deputato del Pd Roberto Giachetti. Il primo è il senatore più anziano per età, il secondo è il più anziano fra i vice presidenti uscenti rieletti alla Camera.

ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA CAMERA - Al primo scrutinio maggioranza pari a due terzi dei parlamentari, comprese nel computo le schede bianche, ovvero 420 voti; al secondo scrutinio maggioranza pari a due terzi dei votanti; al terzo scrutinio maggioranza pari a due terzi dei votanti; al quarto scrutinio maggioranza assoluta dei votanti. E' previsto che i primi tre scrutini si tengano tutti nella giornata di domani. Per gli eventuali scrutini successivi la seduta verrà aggiornata a sabato 24 marzo.

ELEZIONE PRESIDENTE DEL SENATO - Al primo scrutinio maggioranza assoluta dei Senatori, che è pari a 161 voti; al secondo scrutinio maggioranza assoluta dei senatori; al terzo scrutinio maggioranza assoluta dei presenti; al quarto scrutinio ballottaggio tra i due candidati più votati al terzo scrutinio. A parità di voti è eletto il più anziano di età. I primi due scrutini si svolgeranno domani; per il terzo e l'eventuale quarto scrutinio la seduta sarà aggiornata a sabato 24 marzo. 

Cosa fa il presidente della Camera, compiti e funzioni

Presidenti di Camera e Senato, regole e tempi dell'elezione. Chi sono i 'candidati'

Presidente del Senato verso Forza Italia