Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Genova, Toninelli: "Venerdì 'decretone' in Cdm"

Il ministro: "Conterrà un aiuto alle famiglie sui mutui e alle imprese con agevolazioni fiscali". E per la ricostruzione del Ponte: "Affidamento diretto a Fincantieri"

Ultimo aggiornamento il 13 settembre 2018 alle 18:19
Genova, il ponte Morandi (Lapresse)

Genova, 11 settembre 2018 - Arriverà in Consiglio dei ministri venerdì il 'decretone' (come lo chiama Toninelli) per Genova. Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti in audizione alla commissione Ambiente della Camera ha infatti precisato che si tratta di un decreto "molto importante" che conterrà "un aiuto alle famiglie in tema di mutui e un aiuto alle imprese con agevolazioni fiscali".

"Penso e spero, trattandosi non solo di Genova, ma anche delle infrastrutture (mappatura, banche dati, assunzioni, ecc), che venerdì mattina in cdm" il decreto su Genova "possa essere concluso", ha quindi precisato Toninelli incalzato sui tempi del provvedimento. "Ma si tratta di un decreto non solo di competenza del Ministero dei trasporti", ha spiegato il ministro, ricordando che il 'decretone' mette insieme Mit, Ministero dell'economia, Ministero dello sviluppo e Ministero del lavoro. "Da parte mia - ha aggiunto - farò di tutti perché venerdì ci sia". L'obiettivo del 'decretone' è "far ripartire una delle città più strategiche del nostro Paese", ha detto ancora Toninelli in audizione.

Nel decreto "la ricostruzione del Ponte sarà il primo obiettivo". Toninelli ha detto che partendo dalle regole attuali del Codice degli Appalti, sulla base dell'eccezionalità "potremo affidare direttamente a una società pubblica, pensiamo a Fincantieri, l'appalto per la ricostruzione del Ponte".

"In questi minuti è in corso un incontro a Bruxelles per verificare se si possa derogare al Codice degli Appalti perché si possa fare l'assegnazione immediata senza gara ad un soggetto pubblico come Fincantieri", ha poi annunciato Toninelli. La ricostruzione - ha spiegato - dovrà essere ultimata al massimo tra un anno. "Vogliamo che Genova torni alla sua quotidianità, ripartendo dalla ricostruzione del ponte".

IL COMMISSARIO PER LA RICOSTRUZIONE? - Riguardo al commissario per la ricostruzione, il sottosegretario alle Infrastrutture Edoardo Rixi ha risposto a chi gli chiedeva se la nomina sarebbe andata al sindaco di Genova Marco Bucci: "Non sta a me dire chi sarà il commissario per la ricostruzione, lo deciderà il presidente del Consiglio dei Ministri ma mi auguro che sia persona che possa dialogare a tutti i livelli perché in questo momento meno tensioni ci sono, più ci si parla e meglio è". "Autostrade non ha mai costruito un viadotto o un ponte di quel tipo, normalmente utilizza altre aziende, sarebbe strano lo facesse lei direttamente", ha aggiunto Rixi. "In Italia ci sono grandi competenze - ha concluso -, siamo un Paese che costruisce infrastrutture in tutto il mondo e abbiamo gente capace di costruire".

ACQUISITO NUOVO VIDEO - Intanto la procura di Genova ha acquisito un nuovo video di una azienda che riprende il momento del crollo del ponte Morandi. Le immagini sono al vaglio degli investigatori che le stanno confrontando con le testimonianze di quanti erano sul viadotto la mattina del 14, e sono riusciti a salvarsi, e l'altro video della Ferrometal già in mano dei magistrati.

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.