Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 lug 2022

Politica malata, democrazia debole. Ma i partiti rifiutano la cura Draghi

Incapaci di dar vita a un governo in una situazione di grave crisi, sono stati commissariati da Mattarella. Ora pretendono di riacquistare un ruolo senza interrogarsi sul fallimento, ma non rappresentano la società

17 lug 2022
sofia ventura
Politica
Matteo Salvini (49 anni), leader della Lega, spesso in dissenso con la linea di Draghi
Matteo Salvini (49 anni), leader della Lega, spesso in dissenso con la linea di Draghi
Matteo Salvini (49 anni), leader della Lega, spesso in dissenso con la linea di Draghi
Matteo Salvini (49 anni), leader della Lega, spesso in dissenso con la linea di Draghi

Roma, 17 luglio 2022 - Partiti malati, che non assolvono più alle loro funzioni, alla fine, scassati loro, arrivano a scassare tutto intorno a loro. È quello che potrebbe accadere ora in Italia. I partiti dell’ampia maggioranza oggi messa in discussione avevano accettato di sostenere un esecutivo ‘istituzionale’ a fronte della loro incapacità di dar vita a un governo in una grave situazione di crisi. Solo che, questi partiti, non hanno accettato la sospensione della normale logica parlamentare come una parentesi che in qualche misura limitasse la loro possibilità di incidere sul governo – data la loro inadeguatezza –, in attesa di un ripristino dei meccanismi fisiologici. Auspicabilmente rimessi in moto da un loro rinnovamento. No. Questi partiti hanno preteso di continuare a operare essenzialmente in connessione con un governo che di fatto era nato come il loro commissariamento. Governo, pressing su Draghi: "Deve restare". Dire di no diventa difficile I finti paladini della democrazia parlamentare, ovvero quanti ne esaltano le virtù solo in funzione delle loro tesi, si dichiarerebbero scandalizzati per questa osservazione. Ma una soluzione come quella di un ‘governo del presidente’ è chiaramente l’esito di un inceppamento del meccanismo parlamentare fisiologico. Prendendone atto, si cercano arrangiamenti ‘nonostante’ i partiti. I quali non possono avere lo stesso peso che avrebbero se fossero loro i protagonisti del processo di creazione della maggioranza. Ma quel peso, hanno invece preteso. Senza interrogarsi sui motivi del loro fallimento. Ciò a causa di quello che sono diventati. Ovvero organizzazioni che traggono linfa essenzialmente dalle istituzioni, lontane da una società che non interpretano più e che, soprattutto attraverso i loro leader, esistono essenzialmente perché ‘comunicano’. Devono inviare messaggi continui ai loro elettori, agitandosi sulla scena politico-governativa. Così la Lega e il M5s hanno giocato a un continuo tiro e molla. Anche quando alla pandemia si ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?