Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
14 lug 2022

Perché il M5s non vuole il Decreto aiuti: le 3 ragioni della crisi

Il motivi per cui i 5 Stelle non votano il decreto aiuti. Le ragioni sono principalmente tre

14 lug 2022
ettore maria colombo
Politica
Prime Minister Mario Draghi after leaving the NATO summit in Madrid early, in Rome, Italy, June 30, 2022. Premier Mario Draghi returned to Rome from the NATO summit in Madrid early on Wednesday amid soaring tension with his predecessor Giuseppe Conte, the leader of the 5-Star Movement (M5S), a key part of the ruling coalition.ANSA/ANGELO CARCONI
Il premier Mario Draghi (Ansa)
Prime Minister Mario Draghi after leaving the NATO summit in Madrid early, in Rome, Italy, June 30, 2022. Premier Mario Draghi returned to Rome from the NATO summit in Madrid early on Wednesday amid soaring tension with his predecessor Giuseppe Conte, the leader of the 5-Star Movement (M5S), a key part of the ruling coalition.ANSA/ANGELO CARCONI
Il premier Mario Draghi (Ansa)

I 5 Stelle, dunque, non hanno votato il dl Aiuti sul quale, al Senato, il governo ha posto la questione di fiducia. Lo ha stabilito ieri notte, dopo una riunione fiume del Consiglio nazionale del M5s, l’assemblea congiunta dei gruppi parlamentari, guidata dal presidente del M5s, Giuseppe Conte. Draghi, dimissioni ufficiali: perché si dimette. Il comunicato integrale Quanto ci costa la crisi di governo: il salasso tra mutui, buste paga e bollette Crisi di governo: le ultimissime notizie I senatori pentastellati (62) si sono astenuti ‘dal’ voto e non ‘nel’ voto, come pure è possibile. Infatti, non è più vero, dalla riforma del Regolamento del Senato, effettuata nel 2018, che il voto di astensione equivalga a un voto contrario. L’astensione vale come astensione. Solo che, uscendo dall’Aula, si abbassa il quorum (necessario per la validità della votazione e per ottenere la maggioranza assoluta dell’Assemblea) mentre, restando in Aula, il quorum si abbassa. Ma questi sono tecnicismi. Dimissioni Draghi, dalle mine di Renzi ai Papeete: quante grane per Mattarella Come pure il diverso comportamento tenuto dai pentastellati alla Camera dei Deputati, dove hanno votato sì alla fiducia (giovedì della scorsa settimana) e no al provvedimento in quanto tale (lunedì scorso). Al Senato, però, il voto è unico, quindi i 5Stelle non hanno partecipato al voto, per esprimere la loro contrarietà al provvedimento. Fallita anche l'ultima mediazione tentata da alcuni esponenti di govenro, di ottenere il via libera definitivo al decreto Aiuti al Senato senza ricorrere al voto di fiducia. Il pentastellato Federico D'Incà (che nella assemblea dei parlamentari M5S di ieri sera ha si è detto contrario alla linea decisa dal Movimento di non partecipare alla fiducia a palazzo Madama) avrebbe avuto un confronto con i capigruppo di maggioranza al Senato, avanzando l'ipotesi di procedere con il voto finale sul dl Aiuti, nello ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?