Il vertice a Palazzo Chigi sulla manovra del 2 ottobre (Ansa)

Roma, 4 ottobre 2018 - Pensioni e quota 100 restano un tema caldo della Manovra, tanto da portare tensioni anche tra M5S e Lega. "Dispiace che esponenti degli alleati di governo vadano in giro con tabelle non ufficiali e che sono mere simulazioni - dice il viceministro leghista all'Economia, Massimo Garavaglia -. Confermiamo che la quota 100 per le pensioni partirà al massimo entro il mese di febbraio, anche se faremo di tutto per renderla operativa già dal 1 gennaio 2019, e che prevede una spesa di 7 miliardi di euro per il prossimo anno".

Manovra, quali saranno le coperture. Scure su sconti fiscali e sanità - di ALBERTO PIERI

La precisazione fa parte della guerra di cifre delle ultime ore tra gli alleati di governo, all'indomani del vertice che ha definito nel dettaglio le risorse per la manovra. Per esempio, una tabella in possesso dell'Adnkronos attribuisce 5,2 miliardi nel 2019 alla riforma della Legge Fornero, una dotazione che sale a 7 miliardi nel 2020 e nel 2021. Secondi fonti M5S, si tratterebbe della tabella sulla quale ieri è stato siglato l'accordo a Palazzo Chigi. Se così fosse, quota 100 partirebbe da aprile 2019 e non da gennaio. Ma dalla Lega, appunto, assicurano il contrario: "Si tratta solo di simulazioni". E alla fine anche il vicepremier pentastellato Luigi Di Maio dice che "ci saranno 7 miliardi per la legge Fornero".

Pensioni quota 100, allarme Sanità. "Via oltre 25 mila medici"

Oggi il ministro dell'Interno Matteo Salvini, a Radio Anch'io, ha detto che "nella manovra ci saranno 16 miliardi per i due interventi principali, reddito di cittadinanza e abolizione della legge Fornero, ma in questa cifra ci saranno anche aumento pensioni invalidità, quoziente familiare, premio a famiglie numerose con contributo alla natalità". E ha aggiunto: "Se la matematica non è un'opinione, nella manovra i fondi previsti" per la Fornero "sono 7-8 miliardi". Dunque, per il reddito "ci sono 8 miliardi". Ma, sull'ultimo punto, nel pomeriggio di Di Maio ha ribadito quanto detto in mattinata: "10 miliardi".

Manovra, Salvini: "Per il reddito di cittadinanza 8 o 9 miliardi". Di Maio: "No, sono 10"