Matteo Renzi e Paolo Gentiloni (ImagoE)
Matteo Renzi e Paolo Gentiloni (ImagoE)

Roma, 23 agosto 2019 - Mentre gli esponenti di Pd e Cinque Stelle si incontrano per provare a trovare un'intesa che porti alla formazione di un governo giallo-rosso, nel Pd i nervi sono tesissimi: i renziani accusano l'area che fa capo al segretario di 'non volere l'accordo' e Zingaretti non ci sta. Si consuma così ancora una volta lo scontro dentro al Partito democratico.

Salvini: "Farò di tutto per evitare esecutivo col Pd"

Audio di Renzi contro Gentiloni

Renzi accusa Gentiloni, suo successore a Palazzo Chigi e attuale presidente Pd, di aver provato a far saltare l'intesa dei dem con i 5 Stelle. In un audio, registrato mentre l'ex premier parla alla sua scuola di formazione politica a Barga, in Garfagnana, Renzi spiega ai ragazzi che sarebbe stato Gentiloni "a far passare il messaggio di una triplice richiesta di abiura ai 5 stelle", facendo riferimento alle tre condizioni poste dal Nazareno al Movimento per una trattativa: oltre al ritiro dei decreti sicurezza e al pre-accordo sulla legge di bilancio, il tema del taglio dei parlamentari. "I 5 stelle - continua Renzi - ci avevano detto 'noi ci stiamo se ci garantite che possiamo arrivare almeno al referendum sul taglio dei parlamentari'.

L'ala trattativista, guidata da Franceschini, aveva detto: 'A noi va bene se garantite dei contrappesi'". Poi l'affondo a Gentiloni: "Il modo in cui lo spin è stato passato è un modo finalizzato a far saltare tutto. E qui è bellissima la lezione di politica applicata: Gentiloni era al Colle ma non ha aperto bocca. Non ha detto nella sede ufficiale ciò che pensava, o che secondo lui andava fatta. Ma lo ha detto a due giornali. E qui è successo un mezzo caos". Infatti, continua l'ex premier, "la parte dei 5Stelle che vuol far saltare tutto - legata a Di Battista e Paragone - a quel punto ha detto 'Zingaretti è Giuda'. 

Zingaretti: nessuna manovra di Gentiloni

Zingaretti però non ci sta e smentisce qualsiasi tentativo di Gentiloni di far saltare l'intesa coi 5 Stelle. "Non è mai esistita nessuna manovra del presidente Gentiloni per far fallire l'ipotesi di un nuovo Governo e sostenerlo è ridicolo e offensivo", puntualizza il segretario in una nota. "Stiamo nel pieno di consultazioni delicatissime e stiamo lavorando tutti insieme per raggiungere un obiettivo difficile: quello di dare vita a un Governo di svolta per cambiare l'Italia; e questo passa per uno spirito unitario, per difendere contenuti storia e valori del Partito Democratico".

"Torno per l'ennesima volta a fare un appello alla responsabilità: fondamentale per raggiungere questo obiettivo casomai è fermare questo continuo proliferare di comunicati, battute, interviste che, questi si, mettono tutto a rischio e logorano la nostra credibilità".