Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
23 giu 2022

Il campo largo e i dilemmi di Letta

La sfida dei dem è che per tenere tutti insieme non venga snaturato il proprio profilo riformista. Servono proposte forti, in grado di attrarre elettori, non quadri di partito

23 giu 2022
pierfrancesco de robertis
Politica
Secretary of Italian party Partito Democratico (PD), Enrico Letta, attends the Raiuno Italian tv program "Porta a porta" conducted by Italian journalist Bruno Vespa in Rome, Italy, 22 June 2022. 
ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
Enrico Letta, segretario del Partito democratico (Ansa)
Secretary of Italian party Partito Democratico (PD), Enrico Letta, attends the Raiuno Italian tv program "Porta a porta" conducted by Italian journalist Bruno Vespa in Rome, Italy, 22 June 2022. 
ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
Enrico Letta, segretario del Partito democratico (Ansa)

Roma, 23 giugno 2022 - Domenica prossima ci sono i ballottaggi, ed è quindi comprensibile che le reazioni del Pd alla scissione nei 5S siano state improntate alla prudenza. Ogni voto può contare, ed è meglio non rischiare di urtare qualche sensibilità. Ma la circospezione non spiega tutto. Sotto sotto c’è anche imbarazzo, un po’ di sorpresa (se non altro per la portata della scissione: più di sessanta parlamentari con Di Maio non se li aspettava nessuno) e anche, come dire, un senso di umanissimo "e mo’ che facciamo?". Se infatti dovesse cambiare la legge elettorale (non a caso i dem sono tornati a parlarne) le cose per il Nazareno andrebbero a posto, ma dovesse restare l’attuale Rosatellum (due terzi eletti con il proporzionale e un terzo con i collegi maggioritari, cioè vince chi arriva primo nel singolo collegio) la divisione Di Maio/Conte non resterebbe indolore. Si, certo, c’è l’opzione di riunirli tutti e due lo stesso sotto al medesimo tetto, ma si sa che le scissioni si portano spesso dietro uno strascico di rancori difficili da ricomporsi. La calma di Letta è quindi solo apparente, e i pensieri non mancano. Il dilemma che ha di fronte il segretario dem è quanto cercare di allargare il famoso 'Campo largo', e quale prezzo si può arrivare a pagare per questo allargamento. Se vuoi allargare molto devi snaturare il tuo profilo, perché devi in qualche modo essere «compatibile» con il maggior numero di soggetti. Se vuoi imbarcare a sinistra non devi mostrarti troppo di destra, se vuoi imbarcare al centro non devi agitare troppo vessilli di sinistra. Finendo per risultare tu stesso poco attrattivo per i tuoi stessi elettori, o ex elettori. Che in sonno o no, comunque ci sono. Non scordiamoci che Veltroni nelle elezioni del 2008 prese 12 milioni di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?