Salvini occupa il Senato: qui alla macchineta del caffè (Dire)
Salvini occupa il Senato: qui alla macchineta del caffè (Dire)

Roma, 30 aprile 2020 - Continua il presidio della Lega in Senato contro la fase 2 del governo. Matteo Salvini ha rivendicato con forza la decisione di 'occupare' il Parlamento, una mossa che ha colto alla sprovvista gli alleati di centrodestra, Meloni e Berlusconi,che non sarebbero stati informati dell'iniziativa. E in diretta Facebook  oggi il leader del Carroccio traccia la sua personale road map: "Ci siamo domani e dopodomani, ci saremo il primo maggio, ci siamo sabato e domenica. Non ci muoviamo dal nostro posto di lavoro fino a che gli italiani non sapranno come uscire da questo tunnel". 
E ancora: "Non è disobbedienza, stiamo qui rispettando le misure di sicurezza. Rispettiamo le istituzioni ma pretendiamo che le istituzioni rispettino voi. Dopo 50 giorni, anche basta. Ora lo Stato restituisca fiducia agli italiani".

In mattinata, intervistato da Telelombardia, il leader leghista specifica: "Noi vogliamo semplicemente che alle parole seguano i fatti, che il governo sia più veloce". Salvini spiega poi di essere tornato a casa questa mattina dopo aver passato la notte in Senato "per permettere la pulizia dell'aula" pronto a ritornare a Palazzo Madama.
Tra le richieste leghiste al governo quella dell'eliminazione dell'autocertificazione per uscire di casa. "Gli italiani in questi 50 giorni - spiega - hanno dimostrato di meritare fiducia. Solo il 3% delle persone fermate ai controlli è stata sanzionata. E' ora di restituire la fiducia agli italiani eliminando l'autocertificazione e liberando le forze dell'ordine da questo impegno perché tornino al loro lavoro".

Quanto poi alle perplessità di Giorgia Meloni replica: "le porte del Parlamento sono aperte a tutti, giorno e notte. Spero che oggi tutto il centrodestra si unisca a noi nel dar voce ai cittadini. Io d'altra parte - aggiunge - non ho mai commentato le iniziative degli altri. Ognuno è libero di fare quello che vuole".
Altra richiesta è "bloccare le cartelle esattoriali. La gente è esasperata". Il leader della Lega polemizza col governo "che aveva annunciato provvedimenti per sospendere "affitti, bollette, mutui, e invece non e' avvenuto. Dopo 50 giorni la chiusura inizia a pesare. La Cassa Integrazione non e' ancora arrivata cosi' come i 600 euro per i lavoratori. Da parte nostra cercheremo di migliorare quello che si può migliorare".