Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Un centro commerciale (Ansa)

Roma, 10 settembre 2018 - "Non dico che sabato e domenica non si fa più la spesa, ci sarà un meccanismo di turnazione: resta aperto solo il 25% dei negozi, il resto chiude". A 'L'aria che tira' su La7 Luigi Di Maio traccia i contorni della legge sullo stop alle aperture domenicali. Legge che, a detta dello stesso vicepremier, sarà approvata "entro l'anno". I turni, ha precisato di Maio, li decideranno il sindaco e gli esercenti "come avveniva prima". Si tratta di "una misura di civiltà" che "ci viene chiesta dai commercianti, dai padri e madri di famiglia che essendo proprietari di in un negozio dicono che se mi mettete in concorrenza con un centro commerciale dal lunedi al venerdi i miei figli non li vedo più".

Come funziona in Europa. In Francia paghe anche doppie

CENTINAIO: NEGOZI APERTI IN CITTA' TURISTICHE - Con i partner di governo leghisti ci sarebbe intesa anche se Gian Marco Centinaio - ministro dell'Agricoltura in quota 'verde' - oggi mette paletti. "La proposta che abbiamo è di non bloccare le aperture domenicali nelle città turistiche". Un vincolo non da poco. - "Immediatamente ho chiesto spiegazioni - fa sapere il leghista - e non posso pensare che in una realtà turistica si blocchi tutto la domenica. Allora facciamo un ragionamento che ci sia un giorno a settimana di chiusura, che non sia necessariamente la domenica, perché altrimenti blocchiamo il turismo nel nostro Paese". 

DI MAIO CONTRO RENZI - Dice ancora Di Maio, rispondendo alle critiche del Partito democratico: "E' un provvedimento di cui abbiamo discusso in Parlamento in passato ed è una proposta anche del Pd, anche se Renzi dice che è una proposta illiberale". E sul Blog delle Stelle il ministro dello Sviluppo economico rincara la dose: "Se il tempo che Renzi usa per realizzare programmi tv per Berlusconi, lo dedicasse a fare il parlamentare (mestiere per cui è lautamente pagato), saprebbe che proprio il suo partito ha proposto una legge che prevede l'obbligo di chiusura domenicale".

La replica dell'ex segretario dem arriva via Facebook. "Ho 43 anni e lavoro di domenica da quando a 20 anni distribuivo giornali per pagarmi l'università - scrive Renzi - Penso che il futuro dell'Italia non stia nell'attesa di un sussidio dello Stato, ma nel lavoro. Se però la domenica vuoi bloccare tutto, allora sii coerente: niente treno, niente stadio, niente bar, niente cinema". 

CODACONS - L'idea di Di Maio piace invece al Codacons. "Ci sembra una proposta ragionevole - afferma il presidente Carlo Rienzi -. Mantenere la domenica il 25% dei negozi aperti e prevedere dei turni garantisce ai consumatori la possibilità di fare acquisti nei giorni festivi e non danneggia eccessivamente i piccoli esercizi". Ma, sottolinea, "è necessario tenere conto delle differenze che esistono tra le varie città, alcune a forte vocazione turistica, altre meno". E "ciò che manca nella posizione di Di Maio è la previsione di controlli contro lo sfruttamento dei lavoratori". 

FI - Contraria Forza Italia. "Quasi un terzo delle famiglie italiane fa acquisti di domenica, e i centri commerciali sono spesso luoghi di incontro e di svago, per chi vive in posti isolati, nei paesi e nelle periferie", fa presente Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputato forzista. "Rischiamo circa 50mila posti di lavoro, soprattutto quelli più precari".

FRACCARO - Sulla chiusura domenicale "tireremo dritto", insiste il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro: "La maggioranza presenterà una proposta in grado di tutelare lavoratori e Pmi, in modo da ripristinare regole certe in un settore dove vige la legge del più forte. Le resistenze che arrivano dai partiti di minoranza sono evidente espressione dell`ennesima sudditanza nei confronti delle lobby". Intervenire "significa accogliere le istanze del Paese reale, basti pensare all`ondata di scioperi in tantissime Regioni di pochi mesi fa contro le aperture festive e alla richiesta di Confcommercio e Confesercenti di approvare la nostra legge".

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.