Roma, 2 dicembre 2019 - Il vertice di ieri voluto dal premier non ha chiuso la partita sul fondo Salva-Stati e sono rimaste le divergenze fra Pd e M5s. Conte oggi riferisce prima alla Camera e poi al Senato, affidando al Parlamento la decisione definitiva sull'ok alla riforma. La data chiave è il 10 dicembre, quando il Senato sarà chiamato a votare le risoluzioni che i diversi gruppi presenteranno. Il voto si ripeterà l'indomani, mercoledì 11 dicembre, quando Conte svolgerà l'informativa alla Camera e i vari gruppi potranno presentare le proprie risoluzioni. 

Conte, gelo con Di Maio e rissa con Salvini

Oggi a Montecitorio il presidente del Consiglio siede tra il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. L'Aula è piena di deputati, e il pienone si registra anche al banco del governo. Poi il premier si sposta al Senato, dove ricalca, nel suo discorso, quello fatto alle 13 alla Camera. "Una falsa accusa di alto tradimento è questione differente dall'accusa di aver fatto errori politici, è indice della forma più grave di spregiudicatezza perché finisce per minare alle basi la credibilità delle istituzioni democratiche pur di lucrare per qualche effimero vantaggio", sottolinea contrattaccando le accuse di Salvini. 

L'informativa di Conte

"Sono qui per l'informativa sulle modifiche al Mes non solo perché doverosa dopo la richiesta ma anche perché ho sempre cercato di assicurare una interlocuzione chiara e trasparente con il Parlamento", esordisce Conte nelle comunicazioni sul Mes (Meccanismo europeo di stabilità, cosiddetto fondo Salva-Stati).

image

"Quando sono venuto dinanzi a Voi per chiedervi la fiducia ho invocato, per questa nuova stagione politica, un linguaggio mite, ho auspicato che la Politica, con la P maiuscola, potesse riporre una particolare attenzione alla cura delle parole. Le accuse che mi sono state rivolte, tuttavia, trascendono ampiamente i più accesi toni e le più aspre contestazioni che caratterizzano l'odierna dialettica politica, già di per sé ben poco incline alla cura delle parole. Siamo al cospetto di un'accusa gravissima", continua Conte. Poi parte all'attacco di Salvini: "Mi sono sorpreso, se posso dirlo, non della condotta del senatore Salvini, la cui 'disinvoltura' a restituire la verità e la cui 'resistenza' a studiare i dossier mi sono ben note, quanto del comportamento della deputata Meloni" nel "diffondere notizie allarmistiche, palesemente false" sul Mes. Alle parole di Conte scattano le proteste dei deputati della Lega, subito ripresi dal presidente Fico, che riporta l'ordine in Aula.  

Il premier poi ricostruisce tutti i passaggi parlamentari che hanno accompagnato il negoziato in Ue sul fondo Salva-Stati. L'intento dichiarato è smentire le accuse provenienti dalle opposizioni di aver trattato segretamente con l'Europa. Le parole del premier sono quindi rivolte in primo luogo agli ex ministri leghisti, che ora siedono sui banchi dell'opposizione. Ma sono rivolte genericamente anche a tutti gli altri ministri, alcuni dei quali, come Di Maio che siede al fianco di Conte, in questi giorni hanno criticato aspramente il testo della riforma, chiedendone una modifica.

"Poco meno di un anno fa, l'Italia, da me rappresentata - è la ricostruzione di Conte -, si è espressa in sede europea in maniera perfettamente coerente con il mandato ricevuto da questo Parlamento. Su tali basi è stato dato l'incarico all'Eurogruppo di procedere alla predisposizione di una bozza di revisione del Trattato Mes".

E chiarisce: "Mi sembra quasi superfluo confermare a quest'Aula un fatto di tutta evidenza, ossia che né da parte mia né da parte di alcun membro del mio governo si è proceduto alla firma di un trattato ancora incompleto: nessun trattato è stato infatti ancora sottoposto alla firma dei Paesi europei".

"Considerando i numerosi interventi svolti, in Assemblea e nelle commissioni parlamentari, sia alla Camera sia in Senato - aggiunge allora il premier -, possiamo convenire che le accuse, mosse in questi giorni da diversi esponenti politici di opposizione, circa una carenza di informazione e di consultazione sulla questa materia così rilevante, così sensibile per l'interesse nazionale, siano completamente false".  

E ancora: "Nel Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2019 è stata presentata e illustrata nel dettaglio la 'Relazione consuntiva sulla partecipazione dell'Italia all'Unione europea, relativa all'anno 2018' in cui si parlava della trattativa condotta anche del Mes. In Cdm, sottolinea, "nessuno dei ministri presenti, compresi quelli della Lega, ha mosso obiezioni sul punto e, in particolare, sulla relazione da presentare alle Camere". 

"Alla luce della ricostruzione appena sopra riassunta, corroborata da precisi riscontri documentali, nessuno può oggi permettersi, non dico di sostenere apertamente ma anche solo di insinuare velatamente l'idea che il processo di riforma del Mes sia stato condotto segretamente o, peggio, firmato nottetempo", tuona Conte. "Non solo c'è stata piena condivisione all'interno del Governo, ma su questa materia vi è stato, con il Parlamento italiano, un dialogo costante, un aggiornamento approfondito", aggiunge.

E infine: "In ottemperanza alla "logica di pacchetto", che il governo ritiene essere elemento imprescindibile del negoziato, ritengo che, accanto al Mes, debbano coesistere strumenti di bilancio comune con fondi superiori e scopo più ampio". 

Mes, Meloni e Salvini: "O mente o mente Gualtieri"

Chiamata in causa, la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, prende la parola e contrattacca: "Presidente Conte, se non ci fossero in mezzo i soldi degli italiani mi sarei divertita ad ascoltarla. Ha letto 40 minuti di resoconti parlamentari per contraddire quello che ha fatto il suo governo, smentire il suo governo".

E ancora: "Le funzioni pubbliche si ricoprono con onore, cosa di cui difettate. Lei ci ha fatto tutta la sua lezioncina sul rispetto del Parlamento e poi però la settimana scorsa il ministro Gualtieri ci ha detto che il Mes non è emendabile. Delle due l'una", o il Mes è modificabile o "lei è un presidente che ci riempie di menzogne". La leader di FdI conclude: "Lei si è presentato come l'avvocato del popolo, non le consentiremo di diventare il curatore fallimentare dell'Italia la manderemo a casa prima".

Dello stesso avviso anche Salvini, che prima del dibattito in Senato ripete: "O ha mentito Gualtieri, o ha mentito Conte o non ha capito Di Maio. Se qualcuno ha mentito credo sia stato Conte perché Gualtieri non c'era". E in Aula aggiunge: "Non intendo rispondere agli insulti. Noi rispondiamo col lavoro. Mi dispiace per lei, perché vive male. Chi vive di insulti, rabbia, rancore, vive male". "State riducendo l'Europa a un centro commerciale dove guadagna chi ha già. La ristrutturazione del debito pubblico vuol dire che viene taciuto un intervento nottetempo sui conti correnti degli italiani - continua - Porteranno via i risparmi degli italiani per ristrutturare il debito delle banche tedesche".

image

Bagarre in Senato

Dopo l'intervento di Salvini in Senato scoppia la bagarre. Il leader della Lega ha chiuso il suo intervento dicendo "si vergogni" al presidente del Consiglio. Il capogruppo Pd, Andrea Marcucci, ha chiesto alla presidente del Senato Casellati di intervenire e non consentire simili interventi. Casellati poi è intervenuta chiedendo a tutti di abbassare i toni: "Qui non siamo allo stadio, evitiamo le tifoserie". I senatori della Lega hanno anche esposto il cartello 'Il Conte-Pinocchio' e la Casellati ha sospeso la seduta.

image

In Senato il cartello 'Conte-Pinocchio'

A Palazzo Madama, mentre il presidente del Consiglio ignaro teneva la propria informativa sul Mes, i senatori della Lega si sono passati di mano il cartello con scritto "Il Conte Pinocchio". Il premier non si è accorto di niente, ma in Aula si è levato un brusio e si sono sentiti commenti fino a quando la presidente Elisabetta Alberti Casellati ha chiesto la rimozione del cartello sospendendo la seduta. 

Il cartello dei senatori della Lega durante l'informativa di Conte sul Mes (Ansa)

Conte: nessun screzio con Di Maio

Dopo l'informativa, Conte ha negato qualsiasi dissapore con Di Maio sul Mes. "Abbiamo fatto un percorso - ha aggiunto il premier - stiamo facendo un percorso. Il tema era che sul Mes non c'è stata nessuna segretezza. Chi mi ha accusato di alto tradimento ha detto il falso agli italiani ancora una volta. Per quanto riguarda il negoziato, fino a quando non si chiuderà ci sono nell'ambito di M5s criticità sollevate ma noi siamo assolutamente determinati, tutto il governo, a lavorare sino all'ultimo per migliorarlo, per portare a casa il risultato migliore nell'interesse degli italiani con la massima logica di pacchetto. Cosa c'entra Di Maio?", conclude Conte.

Di Maio: M5s compatto

"Nel suo intervento alla Camera il presidente del Consiglio ha messo a tacere falsità e fake news diffuse dalle opposizioni in questi giorni, il che restituisce dignità al dibattito politico in corso, sul quale abbiamo apprezzato la posizione ribadita circa la logica di pacchetto come richiesto ieri al vertice di maggioranza dal Movimento 5 Stelle. A tal proposito, il M5S oggi più che mai è compatto di fronte alla necessità di dover rivedere questa riforma che, a oggi, presenta criticità evidenti", è stato il commento di Di Maio.