Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
8 giu 2022

Elezioni amministrative, Meloni-Salvini alla sfida delle urne. Il derby decide il futuro

Voto cruciale per il centrodestra: coalizione unita in 21 capoluoghi su 26, ma non mancano le spine. L'opa sul Carroccio

8 giu 2022
antonella coppari
Politica
featured image
Matteo Salvini e Giorgia Meloni (foto Imagoeconomica)
featured image
Matteo Salvini e Giorgia Meloni (foto Imagoeconomica)

È l’ultima vera prova prima delle elezioni politiche. In gioco, ci sono voti sonanti,ed è chiaro che l’esito del test di domenica influenzerà gli equilibri all’interno del centrodestra più di mille sondaggi. Giorgia Meloni ha il vento in poppa, è convinta che la concretezza delle urne confermerà l’aleatorietà degli indici di gradimento. E non esclude di correre da sola se le cose dovessero mettersi male e – complice magari una federazione Lega–FI – non potesse ottenere un numero di seggi uninominali soddisfacente (nell’ultimo vertice ha chiesto il 40-50% di quelli disponibili). Non conquisterebbe il governo, ma farebbe piazza pulita degli avversari a destra. Ipotesi remota: con questa legge elettorale, l’alleanza la vogliono tutti. I battibecchi sono all’ordine del giorno: "Fd’I cresce perché l’opposizione paga", dice Salvini. "Dissento: è premiata l’affidabilità", replica Giorgia. Pesa l’opa che lei ha lanciato al Nord: un sorpasso in Piemonte, in Lombardia o nel Veneto risulterebbe indigesto a via Bellerio. Da Como a Lodi, passando per Asti, Alessandria, Monza e Verona tante sono le sfide nella sfida. "Fd’I in alcuni comuni ha diviso la coalizione: a Parma impedisce la vittoria al primo turno", attacca Matteo. E lei: "È una visione distorta, strabica. Ci sono luoghi in cui noi abbiamo fatto una scelta diversa, altri in cui l’ha fatta FI e altri la Lega". In 21 dei 26 capoluoghi che rinnovano i sindaci, il centrodestra si presenta unito. A Catanzaro, Parma e Viterbo Fd’I corre in solitaria, a Messina è la Lega che si stacca; a Verona è FI che lo fa. E tuttavia non è un caso che, tra una frecciata e l’altra, Salvini confermi la disponibilità a riconoscere la leadership della ’sorellina’ ove fosse confermata dalle politiche. "Chi prende un voto in più indicherà il premier". Che poi alle parole seguano i fatti è un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?