Matteo Renzi (Imagoeconomica)
Matteo Renzi (Imagoeconomica)

Roma, 16 settembre 2019 - Lo aveva preannunciato ai suoi e in serata Matteo Renzi ha chiamato il premier Giuseppe Conte per informarlo della decisione di lasciare il Pd. Nella stessa telefonata l'ex premier ha assicurato al presidente del Consiglio che continuerà a sostenere convintamente il governo. L'obiettivo dell'ex segretario del Pd è di creare gruppi autonomi. 

Su quelli che alla fine saranno i numeri in Parlamento il pallottoliere è in costante aggiornamento fino a tarda sera. Alla Camera dovrebbero essere "più di 20 deputati" (numero minimo, da regolamento) a comporre il nuovo gruppo. "Più di 15 - racconta chi sta lavorando al dossier - verranno dal Pd, gli altri si aggregheranno dal Misto o da FI". Già con un piede fuori dal gruppo sarebbero Boschi, Giachetti, Nobili, Ascani, Marattin (possibile capogruppo), Anzaldi, Scalfarotto, Rosato, De Filippo, Marco Di Maio, Del Barba, Mor, Fregolent, Annibali, Nardi e Noja. Al Senato, per regolamento, non si possono fare nuovi gruppi, ma a traslocare nel Misto insieme a Renzi ci sarebbero una decina di parlamentari tra i quali Bonifazi, Faraone, Cerno, Bellanova, Comincini, Ginetti e Mauro Marino.

"Parlare di separazione consensuale non ha senso - dice Enrico Letta - Francamente mi sembra difficile spiegarlo agli italiani, e siccome Renzi è intelligente lo sa benissimo. Fare la scissione non ha senso logico". Anche Liberi e Uguali attende alla finestra le mosse dell'ex premier. Un rientro immediato nel Pd, viene assicurato, "non è all'ordine del giorno".