Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Mattarella in difesa della Ue: "Le spinte dissociative sono antistoriche"

Il presidente della Repubblica nel messaggio al Forum Ambrosetti: "Una casa comune solida è l'antidoto più efficace"

Ultimo aggiornamento il 8 settembre 2018 alle 10:29
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella (Lapresse)

Cernobbio (Como), 8 settembre 2018 - Il presidente Mattarella a difesa dell'Unione Europea. "Una casa comune solida e ben gestita costituisce il più efficace antidoto contro antistoriche spinte dissociative", è l'auspicio del capo dello Stato, come ha sottolineato in un telegramma inviato al Workshop Ambrosetti a Cernobbio. "E' quanto ci chiede la società civile dei Paesi europei: più sicurezza, in un contesto internazionale così profondamente perturbato, più equità, più condivisione delle responsabilità", ha aggiunto Mattarella. 

"Le istituzioni europee e nazionali debbono lavorare insieme per rispondere alle esigenze dei cittadini e soggetti economici e sociali". Vanno garantiti "libertà in un mondo aperto e allo stesso tempo coesione e solidarietà" che sono "presupposti per proseguire il cammino di pace, democrazia e sviluppo assicurato dall'integrazione del continente in questi sessant'anni, estendendolo, auspicabilmente, oltre i suoi confini".

"I governi hanno l'onere di contribuire, con atteggiamenti e proposte costruttive, a garantire il miglior funzionamento dell'Unione Europea", perche' "la posta in gioco è molto elevata", ricorda il presidente della Repubblica. "Un'Europa all'altezza delle sfide che i popoli hanno dinanzi è la soluzione adeguata per evitare ai singoli paesi di scivolare nell'irrilevanza e per consentire loro, invece, di partecipare autorevolmente alla stesure di nuove e più appropriate regole internazionali", ha continuato Mattarella. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.