Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
14 lug 2022

Crisi di governo, dalle mine di Renzi ai Papeete: quante grane per Mattarella

Il presidente della Repubblica deve gestire l’ennesima crisi, la prima del suo secondo mandato

14 lug 2022
ettore maria colombo
Politica
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella all�??Assemblea plenaria straordinaria del Consiglio Superiore della Magistratura, in occasione del conferimento dell�??Ufficio di Procuratore generale della Repubblica presso la Corte di Cassazione, Roma, 23 giugno 2022.
ANSA/ UFFICIO STAMPA QUIRINALE/ PAOLO GIANDOTTI
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Sergio Mattarella (Ansa)
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella all�??Assemblea plenaria straordinaria del Consiglio Superiore della Magistratura, in occasione del conferimento dell�??Ufficio di Procuratore generale della Repubblica presso la Corte di Cassazione, Roma, 23 giugno 2022.
ANSA/ UFFICIO STAMPA QUIRINALE/ PAOLO GIANDOTTI
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Sergio Mattarella (Ansa)

Quante ne ha viste, Sergio Mattarella, di crisi di governo? Tre, formalmente, quattro in sostanza. E tutte difficili. In ogni caso, troppe, tra il suo primo (dal 2015 al 2022) e il suo secondo settennato. Eletto presidente della Repubblica il 31 gennaio del 2015, Mattarella si trova, quasi subito, alle prese con la crisi del governo Renzi, il grande elettore che lo aveva portato al Colle. Infatti, quell’esecutivo , ereditato dal suo predecessore, Giorgio Napolitano, va in crisi perché l’allora premier e segretario del Pd, perde rovinosamente il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari, indetto il 5 dicembre 2016. Renzi aveva promesso, in caso di sconfitta, di dimettersi e tiene fede all’impegno assunto. La XVII legislatura ha, davanti a sé, però, ancora due anni di vita rispetto alla sua fine naturale, il 2018. Mattarella vuole, e impone, che prosegua. E l’11 dicembre nasce il governo di Paolo Gentiloni. Si arriva a elezioni politiche a scadenza naturale, il 4 marzo 2018. Il problema è che sono le elezioni dei "due vincitori": Salvini e Di Maio. I quali ci mettono ben 70 e rotti giorni, dopo il primo incarico esplorativo affidato alla Casellati, il secondo a Fico, una prima investitura dell’avvocato Giuseppe Conte (che accoglie e poi si nega), un mandato-lampo a Carlo Cottarelli (di un giorno!) fino ad arrivare, finalmente, all’incarico vero a Conte, che giura il 1° giugno. Una crisi di governo infinita e sfibrante col Paese sull’orlo del baratro che solo il Capo dello Stato, con ago e filo, sa risolvere, nonostante le minacce di impeachmente ventilate dai grillini. Il Conte I, però, dura lo spazio di un mattino. Ai primi giorni di agosto del 2019 Matteo Salvini fa scattare quella che passerà alla storia come "la crisi del Papeete" per puntare dritto alle elezioni anticipate. Conte, pur senza ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?