Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
15 giu 2022

Calenda: "Mai con il Pd a trazione grillina. Renzi? Cerca solo qualche seggio"

Carlo Calenda dopo il successo nelle amministrative di domenica traccia le linee del suo movimento. "Una parte dei dem succube dei Cinquestelle, dal giustizialismo all’ambientalismo ideologico"

15 giu 2022
raffaele marmo
Politica
Carlo Calenda, 49 anni, ieri all’inaugurazione di una nuova sede di Azione a Milano
Carlo Calenda (Ansa)
Carlo Calenda, 49 anni, ieri all’inaugurazione di una nuova sede di Azione a Milano
Carlo Calenda (Ansa)

Enrico Letta sostiene di volere collaborare con lei, ma anche con i 5 Stelle. Come la mettiamo? "Nessuna preclusione a parlare con Enrico Letta, anzi sarei felice – avvisa Carlo Calenda, leader di Azione, con un pieno di consensi alle ultime amministrative –, ma il problema rimane sostanziale. Io non ho niente a che fare e non voglio avere niente a che fare con il Movimento 5 Stelle, perché non abbiamo niente in comune. I risultati elettorali nei comuni nei quali ci siamo concentrati (L’Aquila, Palermo, Catanzaro, Alessandria, Parma) hanno dimostrato, con percentuali che vanno dal 13 al 21 per cento, che c’è uno spazio di elettorato riformista, pragmatico, moderato, che non vuole più scegliere tra due poli che non sono in grado di governare, perché hanno dentro tutto e il contrario di tutto". Dunque, il segretario del Pd può anche farsi vivo, ma se pensa a un possibile campo largo che vada dai grillini ad Azione, può anche non chiamare? "Un’alleanza di quel genere non esiste e non è mai esistita. Noi non siamo disponibili a fare questa cosa. Anzi, credo che ormai il Pd sia un partito a trazione grillina. Basta vedere anche come ha votato in Europa in materia di politica ambientale: sempre a favore di emendamenti che porterebbero alla chiusura del manifatturiero in Italia, dalle piastrelle alle auto. Per non parlare della giustizia: sono sempre più allineati al giustizialismo dei 5 Stelle". Non c’è, insomma, solo un problema di alleati non omogenei, ma anche di contenuti. "C’è una componente del Pd, quella che va da Bettini a Zingaretti, da Boccia a Provenzano, che non vuole fare nessuna alleanza con noi fino alla morte. Pensi che per le elezioni regionali prossime ho fatto il nome dell’assessore Alessio D’Amato nel Lazio e di Carlo Cottarelli in Lombardia. Ma ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?