Luigi Di Maio e, a sinistra, Giuseppe Conte (Ansa)
Luigi Di Maio e, a sinistra, Giuseppe Conte (Ansa)

Roma, 1 luglio 2021 - Nuova giornata nel caos a 5 Stelle. Una nuova giornata che si è aperta con un incontro tra Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri, Lugi Di Maio, mentre si attende di capire se ci sarà davvero o meno un voto su Rousseau come chiesto da Beppe Grillo (Crimi ha avviato le procedure per votare su SkyVote). La base grillina è spaesata e confusa, mentre sembra sempre più vicina l'ipotesi di una scissione. L'ex premier ha chiaramente detto che fermo non starà. Tradotto: se non passerà la sua linea, è pronto al suo partito. E non sono pochi i parlamentari grillini pronti a seguirlo.

Roma, 4 consiglieri lasciano il Movimento

No Rousseau, voto su SkyVote

Non c'è ancora aria di preparativi per un voto su Rousseu che porti alla scelta di quel Comitato direttivo di M5s che manderebbe in soffitta la figura del capo politico. Così a 24 ore dall'aut aut di Beppe Grillo a Vito Crimi ha informato, attraverso una mail al garante, di aver avviato questa mattina tutti gli adempimenti prodromici allo svolgimento delle votazioni per il comitato direttivo, individuando modalità e tempistiche per la presentazione delle candidature, per le verifiche dei requisiti e per lo svolgimento della votazione, ribadendo che si procederà al voto utilizzando lo strumento di voto messo a disposizione da SkyVote.

Intanto l'assemblea dei deputati 5S ha avanzato la richiesta di conoscere i contenuti della bozza di Statuto e 'Carta dei valori' oggetto di discussione degli ultimi giorni. "Il capogruppo, Davide Crippa, sta portando avanti la richiesta emersa dall'assemblea verificando nel contempo, stando all'evolversi della situazione, la possibilita' di incontrare il garante, Beppe Grillo, e la possibilità di un incontro con Giuseppe Conte", si legge in una nota. "Se ho un invito volentieri. Ci mancherebbe, sono sempre a disposizione dei parlamentari", ha replicato dal canto suo l'ex premier ai giornalisti che gli chiedevano se fosse disposto a incontrarli.

Faccia a faccia Di Maio-Conte

Intanto, verso le 9 di questa mattina, Di Maio si è recato a casa di Conte. Un incontro che si è protratto per circa un'oa e mezza. Dopo la conferenza stampa di Conte dell'altro giorno, il vaffa di Grillo all'avvocato pugliese e lo scambio meno aspro ma ugualmente duro di ieri, è sceso in campo Di Maio per vedere se è possibile riannodare di nuovo i cocci. Pare evidente un ultimo tentativo di mediazione messo in pratica da Di Maio, che in questi giorni ha cercato di ammorbidire i toni. Lo stesso ministro degli Esteri ha parlato con il presidente della Camera, Roberto Fico, ma nulla è filtrato dalla galassia penstastellata.

Più dell'ideale potè la poltrona - di PF De Robertis

Raggi: "Li apprezzo"

Oggi fa sentire la sua voce anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi, un capoolavoro di equilibrismo: "Sono assolutamente fiduciosa che si riuscirà a ricomporre anche questo periodo. Sento entrambi e sono due persone che stimo e apprezzo. Credo che questo momento di complessità si riuscirà a ricomporre''.

image