Luciana Lamorgese (Newpress)
Luciana Lamorgese (Newpress)

Roma, 4 settembre 2019 - E' Luciana Lamorgese il ministro dell'Interno del nuovo governo giallorosso Pd-M5s: sarà la terza donna a ricoprire la carica al Viminale, dopo Rosa Russo Iervolino e Annamaria Cancellieri, unico tecnico del governo Conte-bis. Lamorgese prende il posto di Matteo Salvini.

Nata a Potenza nel 1953, laureata in Giurisprudenza con lode e avvocato, sposata e madre di due figli, Lamorgese ha ricoperto la carica di prefetto di Milano dal febbraio 2017 a ottobre dello scorso anno: è stata la prima donna a presiedere il ruolo. Il suo profilo emerge dopo le indicazioni del segretario dem Nicola Zingaretti, che aveva espresso al volontà di dar vita a "una discontuità rispetto alle precedenti politiche del Viminale", soprattutto per quanto riguarda il tema dell'immigrazione.

Un ministro dell'Interno che si differenzia già dal precedente per la totale assenza sui social: Lamorgese, infatti, non ha una pagina su Facebook, non possiede un profilo Twitter né tantomeno è presente su Instagram. Sul web in tanti hanno già ironizzato sulla contrapposizione con Salvini, che invece era avvezzo a pubblicare contenuti sulle proprie pagine più volte al giorno.

Ex prefetto

Lamorgese, infatti, nel 2010 è stata nominata prefetto di Venezia, prima di ricoprire la carica nel 2011 di "soggetto attuatore per l’espletamento di tutte le attività necessarie per l’individuazione, l’allestimento o la realizzazione e la gestione delle strutture di accoglienza nella Regione Veneto". Esperienza che, appunto, potrebbe aprire le porte per una diversa gestione dei flussi migratori. Per Lamorgese, in passato, anche incarichi al ministero, nella direzione generale per l’amministrazione generale e per gli affari del personale e all’ufficio centrale per gli affari legislativi e le relazioni internazionali. Dal novembre 2018 è stata nominata Consigliere di Stato.

Le reazioni

L'associazione nazionale funzionari di polizia esprime il proprio parere sulla nomina di Luciana Lamorgese al Viminale: "Al neo Ministro dell'Interno formuliamo i migliori auspici per un lavoro che consenta alle donne e agli uomini delle forze di polizia di poter operare nelle migliori, condizioni per garantire la sicurezza del Paese", scrive in una nota il segretario Enzo Letizia. "Siamo certi che il ministro Lamorgese, forte delle competenze tecniche e delle conoscenze acquisite, saprà risolvere le criticità che affliggono gli operatori della sicurezza", conclude la nota.

Prima dell'annuncio di Conte sulla nomina al Viminale, anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala aveva espresso il proprio parere sul possibile nuovo ministro: "Una scelta che giudico positiva", aveva detto il primo cittadino milanese, "perché ci vuole qualcuno che capisca bene la città di Milano e anche le ragioni del nord Italia".