13 gen 2022

L’offerta del Pd a Salvini. "Via Berlusconi e patto su tutto"

Il Nazareno fa filtrare i primi messaggi diretti al segretario della Lega. Arriva anche una minaccia: "Se Berlusconi va al Colle, Draghi si dimetterà"

ettore maria colombo
Politica
Enrico Letta, classe 1966, leader del Pd, non vuole saperne di Berlusconi al Colle
Enrico Letta, classe 1966, leader del Pd, non vuole saperne di Berlusconi al Colle
Enrico Letta, classe 1966, leader del Pd, non vuole saperne di Berlusconi al Colle

Il vertice di centrodestra che si terrà domani "è una notizia positiva che sia stato convocato". "Questo aiuta sicuramente il chiarimento e speriamo avvicini l’inizio di una discussione vera sul Quirinale e su un patto di legislatura. Faremo questa discussione animati da spirito costruttivo". Il sotto-testo della nota del Nazareno di ieri è: "Bravi che finalmente vi riunite, ora dateci un nome purché non sia quello del Cavaliere, ovvio". Segno di un impazzimento collettivo: il Pd crede o addirittura si fida che l’“odiato“ Salvini gli toglierà le castagne dal fuoco stoppando la corsa del Cavaliere. Certo, sempre meglio dei 5Stelle: si trascinano di giorno in giorno organizzando riunioni del tutto sconclusionate (i senatori che vogliono votare Mattarella "subito", già dal primo scrutinio), dilaniandosi in polemiche perfide (i deputati che spiegano ai senatori "state sbagliando tutto") o assemblee dall’esito così imprevedibile che si è pensato bene di rimandare a oggi la riunione dei gruppi che si doveva tenere ieri con Conte. Il quale un giorno si sente con Letta promettendogli eterna fedeltà e il giorno dopo fa sapere a Salvini "ragioniamo su un vostro nome, meglio se donna, purché non sia Silvio". Inoltre, proprio dai 5Stelle (il nordista Buffagni e altri) arriva pure il guanto di sfida al Pd: "Loro pretendono che anche noi usciamo dall’aula se c’è il Cav? Il Pd pensi al Pd, noi pensiamo a noi". Il disordine è grande, sotto il Cielo dei giallorossi. Tornando al Pd, le certezze – in vista della Direzione, allargata ai gruppi parlamentari, che si terrà, a questo punto, sabato, causa un fatto triste (la partecipazione domani ai funerali di Stato di Sassoli) – sono tre. La richiesta – fatta a Salvini e alla Meloni – di sgombrare dal campo il nome di Berlusconi, "così poi si parla". Sottinteso: in cambio potremo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?