Domenico Fioravanti (Lapresse)
Domenico Fioravanti (Lapresse)

Pescara, 28 febbraio 2018 - Si delinea la lista inviata dal Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio al Quirinale. Il nome indicato come ministro dello Sport è Domenico  Fioravanti, due volte campione olimpico nel nuoto a Sydney 2000. Dopo la rinuncia del giornalista sportivo Guido Bagatta, il M5s lancia la candidatura dell'ex nuotatore azzurro dall'Aurum di Pescara, dove Fioravanti si trova insieme ad Alessandro Di Battista e al tecnico del Pescara, Zdenek Zeman, per presentare il programma dei 5 Stelle sullo Sport. "Domenico Fioravanti, il nuotatore più medagliato del nuoto azzurro, qualora il M5s andasse al governo, sarà il ministro dello Sport. Di Maio ha chiesto la sua disponibilità e lui ha accettato". Queste le parole con cui Di Battista ha ufficializzato la candidatura dello sportivo. "Oggi Berlusconi ha detto che i ministri del M5s sono di serie B. Lo dico, oltre che rosicone non ci sta più con la testa. Da domani dirà che Domenico Fioravanti non nuotava bene e che lui fa le vasche meglio", scherza Di Battista.

Lista ministri 5 Stelle, Di Maio: "Andrea Roventini all'Economia"

M5s, la lista dei ministri al Colle (via email). Tra conferme, novità e rifiuti

"Scusate un pizzico di emozione, non capita tutti i giorni di ricevere così tanto affetto - commenta Fioravanti -. Sarà un grande onore e un privilegio ricoprire questa carica, ma al tempo stesso una grande responsabilità. Mi reputo un uomo di sport, ma al servizio dello sport". L'ex nuotatore, 41 anni, è stato il primo italiano a diventare campione olimpico nel nuoto in corsia e primo atleta a vincere la combinata 100 e 200 metri rana in un'edizione dei giochi. "Vogliamo insegnare ai più piccoli le regole e i valori sani, il rispetto dell'avversario", spiega Fioravanti, precisando che il Coni dovrebbe pensare "alla preparazione olimpica e lasciare allo Stato il compito di occuparsi della preparazione di base di tutti gli altri". Durante la presentazione ha preso la parola, fra gli applausi, anche Zdenek Zeman, attuale allenatore del Pescara. "Mi sono schierato perché ci credo", ha detto il boemo. "Sono qui per sbaglio, dovrei essere lì con voi", ha scherzato rivolgendosi alla sala gremita. E ha aggiunto: "Mi hanno tanto criticato, ma pensavo che il voto non fosse segreto. Da 60 anni sono nel mondo dello sport e mi interessa. L'unica forza politica che presenta un programma sullo sport sono loro". Quindi ha concluso: "Problemi ce ne stanno e speriamo si riesca a risolverli".

Elezioni 4 marzo 2018, come si vota. Schede, orari e documenti