Matteo Renzi ed Enrico Letta (ImagoE)
Matteo Renzi ed Enrico Letta (ImagoE)

Roma, 6 aprile 2021 - Quaranta minuti per un incontro definito  "franco e cordiale": è andata così tra il segretario del Pd Enrico Letta e il leader di Iv Matteo Renzi. Un confronto atteso da settimane, e al centro del tavolo sono emersi da subito tutti i temi caldi di questi mesi. Il faccia a faccia si è tenuto nella sede dell'Arel e ha confermato, da parte di entrambi, il sostegno al governo Draghi, alla campagna vaccinale e agli aiuti alle categorie messe in crisi dal Covid. Ma Letta e Renzi hanno anche ribadito le divergenze sul rapporto con il M5s  e si sono scambiati i pareri sulle elezioni amministrative. 

Accordi e divergenze

Insomma, è stato un incontro a 360 gradi sulla situazione in Italia. Fonti del Nazareno riferiscono che i due leader hanno concordato sul fatto che in questa fase l'impegno prioritario di tutti è nel sostegno alla campagna vaccinale del governo Draghi e alle iniziative da mettere in campo per l'aiuto economico e sociale necessario dopo le chiusure causate dalla pandemia. Letta e Renzi hanno inoltre riflettuto sul quadro politico, e sul futuro, trovando alcuni elementi di accordo e altri di disaccordo.

Il rapporto con i 5 stelle

In particolare, spiegano sempre fonti dem, i due hanno verificato una divergenza profonda sul rapporto con Conte e il M5s. Un rapporto che il segretario Pd considera essenziale per costruire in prospettiva un'alternativa vincente alla destra di Giorgia Meloni e Matteo Salvini. 

Le elezioni di ottobre

Quanto infine alle elezioni amministrative di ottobre, il leader Pd si è limitato ad ascoltare alcune idee di Renzi; del resto si tratta di un tema, quello delle amministrative, sul quale questo mese di aprile sarà un passaggio importante per impostare alcune soluzioni, ricordano dal Pd. 

Renzi: "Mia moglie Agnese positiva nonostante il vaccino, ma vaccinarsi serve"

Renzi: una sindaca per Bologna

A L'aria che tira su La7, Renzi fa poi pubblicamente gli auguri a Letta per il suo progetto sul Pd. E dà anche un suggerimento, sulle prossime amministrative e sul  tema della questione di genere: "A Milano c'è Sala e bene, a Roma vedo solo uomini candidati, a Napoli idem. Allora io chiederei a una sindaca molto brava, Isabella Conti, di correre a Bologna, se vogliamo parlare di contenuti". "E' la sindaca di San Lazzaro di Savena, vicino Bologna, bravissima e competente. L'ho detto a Letta oggi, bussiamo insieme alla porta della Conti e chiediamoglielo".