Venerdì 19 Luglio 2024
ALESSANDRO SALEMI
Politica

Ilaria Salis è a casa: "Il momento più bello?. La foto di famiglia sotto alla scritta Monza"

L’europarlamentare è arrivata in Italia. Il padre: "Mio ruolo finito. Ora parla lei"

Ilaria Salis è a casa: "Il momento più bello?. La foto di famiglia sotto alla scritta Monza"

Ilaria Salis è a casa: "Il momento più bello?. La foto di famiglia sotto alla scritta Monza"

Ilaria Salis è tornata a casa. Ieri alle 19.17, accompagnata dal padre Roberto, ha raggiunto la residenza dei suoi genitori a Monza, sua città d’origine, dopo un lungo viaggio in auto partito da Budapest alle 6 del mattino. Emozione nel suo viso, aperto da un lungo sorriso che rappresenta se non l’uscita definitiva dal "pozzo profondissimo" in cui diceva di essere caduta nel carcere ungherese, quantomeno una liberazione. Dopo l’elezione al Parlamento europeo, il giudice Jozsef Sos le ha subito concesso l’immunità e ha sospeso il processo a suo carico, con la conseguente rimozione del braccialetto elettronico che aveva dal 23 maggio, quando ha lasciato il carcere per andare ai domiciliari. "È molto stanca e provata – ha detto il padre dopo essere uscito dall’auto appena parcheggiata nel cortile di casa, mentre intorno la via si era intasata di giornalisti – è stato un viaggio lungo, stancante, di più di 9 ore. E lei è provata dal periodo molto intenso di carcerazione in Ungheria". Ilaria, proprio per le condizioni di estrema stanchezza, ha preferito salire direttamente a casa e non fermarsi coi giornalisti. A parlare per lei il papà: "Ora deve riposarsi . Finalmente è a casa. È finito un incubo". "Adesso bisogna mettere a posto alcune cose – ha continuato – il processo è sospeso e non concluso. Ilaria ritiene di essere innocente". Poi alla domanda sull’ipotesi che a Bruxelles possano decidere di revocarle l’immunità parlamentare: "Ci può essere questa possibilità ma sappiamo come fare valere in sede europea le sue ragioni".

Del lungo viaggio dall’Ungheria non ha avuto molto da raccontare, se non un episodio che ha il valore simbolico di un traguardo. "Un momento emozionante è stato quando abbiamo visto il cartello di Monza, in quel momento Ilaria è voluta scendere e ci siamo fatti una foto vicino all’insegna". Per lei ciò ha rappresentato il ritorno, per il papà un passaggio di consegne: "Da ora do le dimissioni da portavoce e candidato per conto terzi, d’ora in poi bisognerà rivolgersi al partito Alleanza Verdi-Sinistra per avere informazioni sulla sua attività politica". La festa, intanto, è appena iniziata. "Lunedì Ilaria farà 40 anni di età, festeggeremo due compleanni in uno, perché quello dell’anno scorso non è stato possibile viverlo insieme".