Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 giu 2022

I fari del Copasir sul viaggio a Mosca. Draghi gela Salvini: "Sia trasparente"

Il comitato parlamentare indagherà su Capuano. Letta all’attacco: "Trattativa non autorizzata con la Russia"

1 giu 2022
ettore maria colombo
Politica
Il segretario del Pd, Enrico Letta (55 anni), con il leader leghista Matteo Salvini (49)
Il segretario del Pd, Enrico Letta (55 anni), con il leader leghista Matteo Salvini (49)
Il segretario del Pd, Enrico Letta (55 anni), con il leader leghista Matteo Salvini (49)
Il segretario del Pd, Enrico Letta (55 anni), con il leader leghista Matteo Salvini (49)
Il segretario del Pd, Enrico Letta (55 anni), con il leader leghista Matteo Salvini (49)
Il segretario del Pd, Enrico Letta (55 anni), con il leader leghista Matteo Salvini (49)

ROMA - Non c’è pace per Matteo Salvini e per un viaggio, quello che doveva compiere in Russia con tanto di "piano di pace" in quattro punti formulati dal suo (nuovo) consigliere diplomatico, Antonio Capuano, che non si terrà, ma continua a portargli guai. Politici inanzitutto, come dimostra il gelo che connota la reazione del premier Mario Draghi. Poi ci sono le questioni legate alla sicurezza nazionale. Il Comitato parlamentare per la Sicurezza della Repubblica, il Copasir, ha deciso di indagare su Capuano e i suoi affari con le ambasciate di mezzo mondo (dal Kuwait in su). Nel Palazzo, dopo la sollevazione di mezza Lega, a partire dal potente ministro Giorgetti, interviene il presidente del Consiglio in persona. Lo fa con parole chiare e gelide, per quanto ispirate alla prudenza necessaria verso il leader di un partito di governo. Sollecitato da una domanda alla fine del vertice del Consiglio europeo straordinario a Bruxelles, Draghi sembra prenderla alla lontana. Poi confeziona un bignami dedicato alla collocazione euro-atlantica dell’Italia che serve a fugare ogni dubbio rispetto a eventuali ambiguità di posizione tra Russia e Ucraina: "Il governo, quando si è formato, si è fermamente collocato nell’Unione europea e nel rapporto storico transatlantico. In questo binario si è sempre mosso e continua a muoversi. Io sono stato chiarissimo su questo. Il governo è allineato coi partner del G7 e dell’Ue e intende proseguire su questa strada. Non si fa spostare da qui". In più, Draghi ricorda la sua audizione al Copasir dell’aprile scorso: "Ho solo raccomandato che l’importante è che i rapporti siano trasparenti, non voglio entrare nelle relazioni che le forze di governo possono avere". Ma il riferimento di Draghi al Copasir, l’organismo (una commissione bicamerale) che vigila sui servizi segreti, e alla "trasparenza", non è affatto casuale. Infatti, il presidente del ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?