Matteo Salvini su Instagram
Matteo Salvini su Instagram

Campobasso, 17 aprile 2018 - "Se ci fosse qualcuno in gamba che sottoscrive un programma che condivido perché no. Io a differenza di Di Maio non sono qua a dire o governo io o non si fa niente". È una delle risposte date dal leader della Lega, Matteo Salvini, nel corso di uno 'Speciale elezioni' a Telemolise, in riferimento alla possibilità di una figura terza rispetto a Salvini e Di Maio come possibile candidato all'incarico di premier. Oggi, intanto, il leader del M5s Luigi Di Maio ha pranzato insieme a Davide Casaleggio in un locale vicino a Montecitorio.

"C'è chi chiude il forno, c'è chi cura l'orto", scrive poi Salvini su Instagram postando una foto mentre è immerso nel verde, in risposta a Di Maio che ieri aveva avvertito: "Aspetto un po' poi un forno si chiude". Dal M5s giunge una nuova frenata a ogni ipotesi di accordo con la Lega. "Non c'è nessun accordo che è saltato" spiega Alfonso Bonafede, mentre Laura Castelli chiude a ogni ipotesi di "governissimo o di governi di transizione": "chi fa tatticismi politici fa solo il male di questo paese". Un invito alla "responsabilità" viene intanto da Paolo Gentiloni, per il quale "l'Italia ha fatto una strada importante in questi anni, deve continuare e non può permettersi di andare fuori strada".

SALVINI - L'incarico esplorativo al presidente della Camera, Roberto Fico, o del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati? "Speriamo che serva - puntualizza il leader della Lega -. Io giudico positivamente ogni passo in avanti verso la fine delle polemiche e l'inizio del lavoro vero. Governo vuol dire avere ministri che si occupino di sanità, di scuola, di giustizia, di agricoltura e di disabili e un Parlamento pienamente operativo. Quindi, confido nel presidente della Repubblica". 

Sempre a Telemolise, Salvini commenta lo "show" di Silvio Berlusconi in occasione del secondo giro di consultazioni al Quirinale: "Lo vedevo mimare mentre leggevo il documento concordato con gli alleati. Vedevo che a sinistra c'era un po' di agitazione, c'era Berlusconi che gesticolava. Vabbè, se a lui piace così, va bene così. Non è il mio problema. A me basta andare dritto, poi ognuno fa quello che crede".

In serata, poi, Salvini, ribadisce la sua volontà di prendere in mano il Paese: "Se fosse per la Lega il governo sarebbe già partito da un mese. Vogliamo un governo che rispecchi e rispetti il voto degli italiani, dei primi con i secondi, centrodestra e M5S. Se i cinquestelle e Forza Italia, se Di Maio e Berlusconi, continuano a dirsi dei 'no' non è colpa della Lega, sono problemi loro. L'unica alternativa è il voto. Io governerei domani mattina. Aspetto la saggezza di Mattarella".

SVASTICA_OBJ_FOTO_30463572

ANCORA 24 ORE? - Scade domani, con tutta probabilità, il tempo lasciato da Mattarella ai partiti per mandare un segnale di dialogo, senza il quale sarà il capo dello Stato a decidere come procedere per dare un governo al Paese dopo 45 giorni dalle elezioni. Con un comunicato il Capo dello Stato convocherà una personalità alla quale affidare un mandato esplorativo o un preincarico. Quale sarà la sua decisione lo si saprà quasi certamente domani.

L'APPELLO DI CONFINDUSTRIA - “Ripartire dai contenuti". È l'appello che il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia lancia durante l'inaugurazione della 57esima edizione del Salone del Mobile di Milano in riferimento alla formazione del nuovo governo. “Bisogna ripartire dal lavoro, dai giovani, dalle infrastrutture, dall'Europa. Speriamo che quanto prima il Paese possa avere un governo perché abbiamo di fronte degli appuntamenti importanti, non ultime le prossime elezioni europee. Non vorrei che per scambiare qualche decimale di flessibilità si perdano delle posizioni” aggiunge Boccia auspicando “che prevalga il buonsenso e che inizi un confronto su una piattaforma programmatica”. Per il numero uno di Viale dell'Astronomia “sarebbe opportuno” non smontare riforme come il Jobs act, il piano Industria 4.0 e la riforma delle pensioni “e lasciarle fare ai francesi” che ambiscono a diventare il secondo Paese industriale europeo.