Matteo Salvini (Ansa)
Matteo Salvini (Ansa)

Roma, 30 maggio 2018 - Matteo Salvini nelle ultime due settimane 'svetta' sui media italiani, più di Luigi Di Maio e perfino più del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. È quanto emerge dal report di 'Mediamonitor.it' su oltre 1500 fonti di informazione - fra carta stampata (quotidiani nazionali, locali e periodici), siti di quotidiani, principali radio, tv e blog - svolto dal 14 al 28 maggio, monitoraggio che utilizza tecnologia e soluzioni sviluppate da Cedat 85, azienda attiva da 30 anni nella fornitura dei contenuti provenienti dal parlato.

Passando ai numeri, il leader leghista Salvini ha raccolto 13.533 menzioni, staccando Luigi di Maio fermo a 12.605. Subito dietro, il professore Giuseppe Conte con 12.361 citazioni. Il Capo dello Stato Mattarella ha raccolto sui media italiani il 32% di menzioni in meno rispetto al leghista (9.140).

Nell'ultima settimana ha conquistato il palcoscenico mediatico l'economista Paolo Savona, sul cui nome si è innescato lo scontro istituzionale: è stato nominato sui media 6.220 volte, quasi quanto lo stesso Salvini negli ultimi sette giorni di rilevazione. Mediamonitor.it evidenzia come Silvio Berlusconi, sesto con 4.705 menzioni, continui a far parlare di sé anche quando non è al centro del dibattito politico.

Tra gli 'uomini nuovi' dell'era leghista emerge Giancarlo Giorgetti, fedelissimo del segretario, che con le sue 2.588 citazioni ricevute dai media si posiziona al settimo posto della graduatoria. Resta sempre nella top ten Matteo Renzi, che non esce dalla ribalta mediatica e porta a casa 2.506 citazioni, facendo molta ombra al segretario reggente del Pd Maurizio Martina (1.632 menzioni). Al 10 posto della graduatoria sale Carlo Cottarelli, che nel solo giorno in cui ha ricevuto dal presidente Mattarella l'incarico di formare il nuovo governo ha raccolto il 75% delle 1.730 menzioni ricevute nell'intero periodo di rilevazione.

Negli ultimi quindici giorni, infine, è tornato alla ribalta mediatica anche il pentastellato Alessandro Di Battista, totalizzando 1.222 menzioni, circa il triplo (424) di quelle avute nelle due settimane precedenti.