Roma, 29 agosto 2019 - Il governo M5S-Pd può nascere. Concluso il secondo giro di consultazioni, i due partiti hanno espresso al presidente Sergio Mattarella il proprio sì a un ritorno di Giuseppe Conte a Palazzo Chigi. Così il capo dello Stato lo ha convocato al Quirinale per questa mattina alle 9.30.

Zingaretti: non è una staffetta

Il primo a dare l'assenso è il segretario dem Nicola Zingaretti. "Abbiamo espresso al presidente della Repubblica il sostegno al tentativo dare vita a un governo con una nuova maggioranza politica. Alla luce degli equilibri parlamentari abbiamo accettato la proposta M5s di indicare come partito maggioranza il nome di Giuseppe Conte", dice. "Amiamo l'Italia e crediamo che valga la pena tentare questa esperienza - aggiunge -. Intendiamo mettere fine alla stagione dell'odio, del rancore e della paura". Il leader dem sottolinea che "non c'è alcuna staffetta da proseguire o testimone da raccogliere ma una nuova sfida da cominciare, l'inizio di una nuova stagione".

image

Di Maio: Lega mi ha offerto di fare il premier, ho detto no

A spiegare il perché di un ritorno dell' "avvocato degli italiani" a Palazzo Chigi è Luigi Di Maio. "Uno degli interpreti del cambiamento è stato Giuseppe Conte. Il suo ruolo ci fa sentire garantiti", spiega il leader politico dei 5 Stelle, spiegando di aver comunicato a Mattarella che "c'è un accordo politico con il Pd perché riceva nuovamente l'incarico" (VIDEO). Poi partendo da una citazione di Pietro Nenni ("Qualcuno nella storia ha detto che in politica ci sono sempre due categorie di persone, quelli che la fanno e quelli che ne approfittano"), racconta un retroscena della crisi di governo. "Si sono alimentate tante polemiche sulla mia persona e mi ha sorpreso che in una fase così delicata qualcuno abbia pensato al sottoscritto piuttosto che al bene del Paese - dice -. La Lega mi ha proposto di propormi come premier per il M5s e mi ha informato di averlo comunicato anche a livello istituzionale. Li ringrazio con sincerità ma con la stessa sincerità dico che penso al bene di questo Paese e a non me". Di Maio aggiunge di non rinnegare "il lavoro fatto in questi 14 mesi", ma torna subito al presente spiegando che "come capo politico del MoVimento 5 stelle chiederò che il percorso di formazione del nuovo governo parta dalla creazione di un programma omogeneo, e che metta al centro i cittadini. Solo dopo aver ben definito le cose da fare insieme si potrà decidere chi sarà chiamato a realizzare le politiche concordate". 

image

Poco prima a parlare era l'ex alleato Matteo Salvini, per il quale questo nuovo governo è "uno spettacolo indecoroso: un Monti-bis".

image

L'incontro tra M5S e Pd, il nodo Rousseau

Anche ieri tra le delegazioni del Partito Democratico e M5s ci sono state schermaglie, soprattutto sul ruolo di vice chiesto per Di Maio. "Stiamo lavorando e continuiamo sui temi il clima è molto costruttivo e positivo - ha detto il capogruppo M5S Francesco D'Uva -. Ma chi attacca Luigi attacca il M5S". E lo stesso Di Maio ha commentato: "Sono ore molto difficili per il Paese, in cui ognuno dovrebbe saper dimostrare responsabilità. Mi sorprende che qualcuno sembri essere più concentrato a colpire il sottoscritto che a trovare soluzioni per gli italiani". Ad agitare gli animi anche il voto sulla piattaforma Rousseau: nel Pd si è aperta la questione del rispetto delle prerogative del capo dello Stato e anche nel M5s ci sarebbero perplessità. Da qui la scelta, caldeggiata da Conte, di far svolgere le consultazioni solo dopo la decisione di Mattarella, come avvenne un anno fa. 

La Direzione del Pd

Sempre ieri la direzione del Pd (unico voto contrario quello di Matteo Richetti) ha dato mandato al segretario per dare la disponibilità a verificare le possibilità di un nuovo governo. Zingaretti, nella sua relazione, ha sottolineato come "il percorso avviato in questi giorni era e rimane difficile. È una sfida". Ha quindi ribadito che "serve un governo di svolta", un "modello diverso" con "equilibri accettabili". Pertanto ok a un governo presieduto da Giuseppe Conte, che il Pd accetta per senso di responsabilità, ma "serve una discontinuità". 

E Andrea Orlando avverte che serve un vice premier Pd. "Non c'è un problema Di Maio, ma c'è un problema di struttura di governo. Se c'è un premier del Movimento 5 stelle è giusto che ci sia un vicepremier del Partito democratico. Serve a fare comprendere che stiamo entrando in una fase effettivamente nuova", ha detto.

Calenda lascia il Pd. "Accordo con M5s è rinuncia ai nostri valori"

Consultazioni, le Autonomie

E' un sostanziale disco verde, da articolare nelle diverse possibilità al momento del voto, quello delle Autonomie del Senato rispetto alla nascita di un nuovo governo. "Chiediamo e speriamo che ci sia un esecutivo che possa evitare l'aumento dell'Iva e noi aiuteremo l'esecutivo, ma abbiamo avuto alcuni problemi sul tema dell'autonomia con il M5s, quindi Svp si asterrà nel voto di fiducia" qualora partisse il governo M5s-Pd, ha spiegato Dieter Steger al termine delle consultazioni. "Ci auguriamo che nasca un nuovo governo con una forte inclinazione europeista", ha aggiunto la presidente del gruppo Julia Unterberger.

VIDEO Autonomie a Mattarella: sì a governo Pd-M5s, fiducia o astensione

Leu: svolta e discontinuità

"Abbiamo espresso preoccupazione per la fase difficile dell'economia, abbiamo confermato la disponibilità a verificare le condizioni per dare vita a un nuovo governo di svolta, mentre non siamo disponibili a un governo che serva solo ad evitare il voto anticipato". Così il presidente di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro. "Serve una svolta nelle politiche economiche e sociali, una lotta senza quartiere all'evasione fiscale e alle mafie e sulle politiche d'immigrazione e il primo atto deve essere una Legge di bilancio di svolta che apra un confronto serrato con l'Europa per ottenere spazi e flessibilità per un grande piano d'investimenti soprattutto al Sud", ha detto.

VIDEO Leu: sì a governo di svolta

Fratelli d'Italia: voto o inganno

Si dice invece pronto a scendere in piazza Fratelli d'Italia, che ribadisce la sua posizione di andare al voto subito. "Per noi l'unico sbocco possibile della crisi è lo scioglimento immediato delle Camere e ritorno alle urne, anche ove M5s e Pd conferamassero la volontà di procedere in un patto delle poltrone. Il che è un inganno degli elettori", ha detto la leader Giorgia Meloni. "Il Presidente Mattarella sa bene di non avere obbligo costituzionale alcuno di dare il via libera a un governo", ha aggiunto sottolieando che si trattarebbe di un esecutivo "destinato a durare pochi mesi, a litigare e caratterizzato dalla instabilità". "Scenderemo in piazza se questo governo dovesse nascere: a piazza Montecitorio il giorno della fiducia", ha concluso Meloni. 

VIDEO Meloni: "Chiediamo scioglimento Camere ed elezioni"

Forza Italia: scenario pericoloso

Secco no anche da Forza Italia. "Abbiamo illustrato tutta la nostra preoccupazione per il pericoloso scenario che si va delineando: il capo dello Stato lo sta affrontando con l'equilibrio e la saggezza che gli abbiamo sempre riconosciuto", ha detto il leader Silvio Berlusconi. "Quella che sta nascendo tra M5s e Pd è una soluzione politicamente sbagliata, inadeguata ai grandi problemi lasciati sul tappeto dall'esecutivo dimissionario", ha aggiunto spiegando di aver chiesto di ridare la parola agli elettori. Il Cavaliere ha spiegato che FI starà quindi all'opposizione "di questo governo", lanciando poi un messaggio alla Lega. "Il nostro orizzonte è e rimarrà il centrodestra di cui siamo il fulcro; la destra senza di noi non sarebbe in grado di vincere e di governare". Nel cortile del Quirinale, poi, Berlusconi e Salvini si sono incrociati, salutandosi con una stretta di mano.

VIDEO Berlusconi: "parola a italiani, Pd-5S scenario pericoloso"