Matteo Renzi e sullo sfondo il padre Tiziano (ImagoE)
Matteo Renzi e sullo sfondo il padre Tiziano (ImagoE)

Roma, 20 febbraio 2019 - Il giorno dopo è un altro giorno. Martedì sera è stato il giorno della rabbia, ieri quello del dispiacere. Diciamo pure del dolore. Matteo Renzi disdice la conferenza stampa convocata in Senato, verga una e-news per mettere i puntini sulle "i" ma i pensieri sono tutti ai genitori, in particolare alla mamma. "La cosa peggiore per un figlio è far soffrire i genitori", si è sfogato con i suoi più stretti collaboratori, che si parli di una pagella o di un’inchiesta poco importa. "Guardate ragazzi, avrei preferito arrestassero me".

L’accusa ai Renzi: coop finte coi parenti

Appena appresa la notizia giunta dal gip di Firenze, martedì, Renzi ha parlato per telefono con la mamma, Laura Bovoli, e l’ha trovata più che altro sorpresa di tutta la valanga giudiziaria che si era appena abbattuta su di lei e il marito. Ieri non ha incontrato personalmente i genitori, anche se avrebbe potuto farlo, ed è rimasto tutto il giorno chiuso in un ufficio a Firenze con gli amici. E i calcoli politici sono finiti in secondo piano. Prima il lato umano. Poi è iniziato il discorso politico. La parola d’ordine nel fortino renziano è "mantenere la calma", ma Matteo Renzi parte lo stesso in contropiede, quello che gli riesce meglio. Per prima cosa rifiutando il rischio di un crucifige a cui teme di dover sottostare. "Noi non abbiamo una piattaforma Rousseau che salva i suoi dai processi e quindi aspettiamo", ha detto ai parlamentari che l’hanno cercato.

Sa che le recenti difficoltà dei genitori di Di Maio e Di Battista in qualche modo possono annacquare le tentazioni forcaiole dei grillini, sa che da Berlusconi o anche da Salvini non avrà attacchi e se mai è il fronte interno al Pd ad amareggiarlo. I suoi hanno contato le manifestazioni di solidarietà giunte martedì sera subito dopo la notizia, sono state notate quelle di Zingaretti e Gentiloni, ma sono state per la maggior parte reazioni freddine, quasi obbligate. Quanto è bastato per abbassare ulteriormente la temperatura nei rapporti interni. Ma tant’è, Renzi sa che buona parte del Pd lo aspetta al varco e non saranno le disavventure giudiziarie dei genitori a scoraggiare gli attacchi. Sa che la sua partita si svolge dentro il partito o ciò che ne resta almeno fino a giugno, poi chissà. Giura però che una partita ci sarà. "Non mollo di un centimetro".

Il primo appuntamento è per venerdì a Genova e Torino, con due date già in calendario che potrebbero trasformarsi in un "Renzi pride". "Prenoteremo una sala il doppio più grande di quella prevista", ha scritto nella enews. Anche perché Renzi ha letto le carte, e almeno con i suoi si è mostrato tranquillo. "Chissà che magari l’arresto non si riveli un boomerang", ha detto agli amici. L’attesa è adesso per gli interrogatori e per la decisione circa la richiesta di scarcerazione che verrà prersentata dai legali. Si fa presente che Tiziano Renzi e Laura Bovoli sono stati arrestati senza essere prima mai sentiti e che la decisione del gip è arrivata dopo quattro mesi dalla richiesta dei pm. "Se uno è pericoloso socialmente tanto da arrestarlo – spiegava ieri più di un renziano – non è che lo lasci in giro quattro mesi. E poi lo arresti alle sette di sera, mentre votano sulla Diciotti? Un capolavoro mediatico".