Matteo Salvini, rush finale prima delle europee (Lapresse)
Matteo Salvini, rush finale prima delle europee (Lapresse)

Roma, 25 maggio 2019 - Giorgetti rimane. Alla fine di una campagna elettorale in cui è spuntata l’ipotesi di dimissioni, clamorose e polemiche, del sottosegretario leghista, Salvini rassicura: «Lui resta. E da lunedì tutti serenamente a lavorare». L’interessato, esasperato dallo scontro quotidiano con i grillini, qualche dubbio in più sembra averlo: «Io di questi argomenti fino a lunedì non ne voglio parlare». Chi conosce bene entrambi mette la mano sul fuoco sulla permanenza di Giorgetti, non foss’altro per amore di quello Sport di cui ha la delega a Palazzo Chigi. Non significa, però, che si tratti di una messinscena: le due anime del Carroccio, quella tribunizia e quella pragmatica, sembrano avere opinioni diverse. A meno che non siamo di fronte a uno di quei giochi delle parti nei quali la Lega di Bossi e Maroni era maestra.

Diversi indizi confermano che il ministro dell’Interno è intenzionato proseguire l’esperienza giallo-verde: ci sono i nuovi toni concilianti adottati in questo scorcio di campagna, che lo hanno portato a dichiararsi «pronto al dialogo» con gli arcinemici Merkel e Macron. E soprattutto ci sono i fatti, come l’okay al rinvio dell’approvazione del decreto sicurezza. Ha scelto di privilegiare i buoni rapporti con Mattarella («è il garante») e con i grillini, il cui dl sulla famiglia non aveva possibilità di passare. Giorgetti, si sa, è molto più scettico, convinto che non si possa affrontare la delicatissima fase economica che ci aspetta mantenendo l’alleanza con Di Maio.

Auspici diversi, ma strategia unica. «Saremo la prima forza politica: la Lega cresce, gli altri scendono», assicura Salvini. Quindi illustra cosa farà e la via coincide con quella indicata da Giorgetti: il vantaggio non sarà messo sul piatto della bilancia per chiedere la testa di Conte né per rovesciare i rapporti di forza in consiglio dei ministri. Il capitale elettorale verrà investito per imporre le «scelte concrete» sulle quali Salvini martella: «Basta con il partito del no, se vinciamo si fanno subito la Tav, la Flat tax, le Autonomie».

Il leader del Carroccio ha una preoccupazione in più del suo sottosegretario: l’agitazione delle roccaforti settentrionali. Ecco perché nella lunga maratona di interventi di questo venerdì pre-voto, che avrà un’appendice oggi a Milano a piazza Duomo (in programma passeggiata ed aperitivo al centro) tira fuori i temi cari al Nord. Per questo assicura che la Pedemontana si farà: «Ho parlato con il governatore Zaia anche lui è molto arrabbiato». Per questo rilancia sulla Torino-Lione. E per questo deve essere anche pronto a mandare tutto all’aria per quelle Autonomie che, per Di Maio, «spaccherebbero in due il Paese». 

Salvini non denuncerà l’alleanza il 27 maggio e Giorgetti resterà al suo posto non significa, però, che una campagna segnata dallo scontro violento tra alleati sia passata senza lasciare traccia. Anzi: se prima il leader della Lega considerava molto improbabile la crisi ora è pronto, se non otterrà il semaforo verde sui suoi provvedimenti, a sfidarla. Ma soprattutto è venuto meno quel ruolo di mediazione che per un anno aveva svolto Conte. Il governo proverà ad andare avanti ma sul fatto che ci riesca davvero è difficile scommettere.