Oggi vota Lega: il tweet di Salvini fa scoppiare la polemica
Oggi vota Lega: il tweet di Salvini fa scoppiare la polemica

L'Aquila, 10 febbraio 2019  - E' un test importante quello delle elezioni regionali 2019 in Abruzzo. E non solo per sapere chi sarà il nuovo governatore e come sarà composto il prossimo consiglio regionale. Le urne daranno anche indicazioni a livello nazionale per il governo: c'è attesa per conoscere quanto 'vale' ora il centrodestra unito con, fra le altre Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia, così come è tutta da valutare la tenuta del Movimento 5 Stelle. Fermo restando che si tratta di un voto locale e amministrativo, la tendenza in atto offrirà comunque spunti interessanti. Intanto, si conferma in calo l'affluenza alle 23. Nel 2014 si votò il 25 maggio. 

SEGUI LO SPOGLIO IN TEMPO REALE

Seggi chiusi alle 23, si è votato in 1.633 sezioni, istituite nei 305 comuni abruzzesi. Alle urne oltre un milione (1.211.204) di cui quasi 620 mila donne, e 591 mila uomini aventi diritto. E' stato il primo voto per quasi 12 mila diciottenni. 

AFFLUENZA - Alle ore 23 l'affluenza (303 Comuni su 305) si attesta al 52,59% per cento. Alla stessa ora nella tornata regionale precedente il dato era al 60,26 per cento. Nella provincia di Chieti ha votato il 50,17%, il 54,7% in quella di L'Aquila, il 53,89% a Pescara e il 53,07% a Teramo

La guida. Liste, candidati e perché è un test importante

La consultazione di oggi è anticipata per via delle dimissioni dell'ex governatore Luciano D'Alfonso (Pd), eletto senatore. Sarà presidente il candidato presidente che avrà ottenuto il maggior numero di voti, e non è possibile il voto disgiunto, ovvero il voto per un candidato presidente e una lista che non lo sostiene.  

LA POLEMICA - A urne aperte, fuori dai confini regionali, si accende lo scontro sul silenzio elettorale. Pd e Fi insorgono contro Salvini e 5 Stelle. Il ministro dell'Interno, infatti, ha postato un tweet in mattinata invitando ad andare a votare (con l'hashtag #oggiVotoLega) e nel pomeriggio ha rincarato la dose spiegando perché la Lega si presenta unita a Forza Italia e Fratelli d'Italia, ma sottolineando che al governo non cambia nulla. Inoltre polemiche anche sulla presenza, in giornata di silenzio elettorale, del leader M5S Alessandro Di Battista a Mezz'ora in più di Rai 3.

I CANDIDATI - In lizza ci sono Sara Marcozzi, candidata dei Cinque Stelle, Marco Marsilio di Fdi sostenuto dal centrodestra unito, Giovanni Legnini, ex vicepresidente del Csm e sottosegretario Pd con il sostegno di tutto il centrosinistra, e Stefano Flajani per CasaPound. 

LA MAPPA - Saranno eletti 29 consiglieri regionali. I 29 seggi spettanti ai consiglieri vengono assegnati con criterio proporzionale, ferma restando la clausola di sbarramento e l'eventuale premio di maggioranza. In Abruzzo esistono 4 circoscrizioni, che coincidono con le province. La circoscrizione con il numero più alto di seggi è Chieti (8). Tutte le altre ne hanno 7 ciascuna. 

IL VOTO - A disposizione dell'elettore una sola scheda dove indicare il candidato presidente e la preferenza di lista e un massimo di due candidati consiglieri in alternanza di genere.