Marco Bucci candidato per il centrodestra a Genova (Ansa)
Marco Bucci candidato per il centrodestra a Genova (Ansa)

Roma, 12 giugno 2017 - A Genova sarà ballottaggio tra Marco Bucci, candidato di centrodestra, e Giovanni Crivello, centrosinistra. Sono i risultati delle elezioni comunali 2017. Concluso lo spoglio, Bucci è in testa con il 38,80% (88.781 voti), Crivello il 33,39% (76.407 voti). Ed è una novità per una città roccaforte della sinistra.

Elezioni comunali Genova, i risultati aggiornati

M5S FLOP - Fuori dai giochi il candidato dei 5 Stelle, Luca Pirondini (18,07%), bocciato alle Comunarie ma ripescato da Grillo che lo ha preferito alla rivale Marika Cassimatis, togliendo a lei il simbolo. Una sconfitta 'politica' per il leader Cinque Stelle che nella suà città contava di arrivare al secondo turno: hanno pesato proprio la campagna tormentata e le divisioni interne.  L'ex grillina si è presentata con una lista indipendente, racimolando poco più dell'1%, voti presumibilmenti sottratti proprio ai pentastellati. Ma un bacino maggiore di preferenze dal Movimento è transitato all'altro 'ex', Paolo Putti, che sfiora il 5%. 

BUCCI: RISULTATO STORICO - "Un risultato storico - commenta Marco Bucci -. Genova ha voglia di cambiare, di diventare una città moderna, è questo il messaggio importante (...) Nei prossimi 15 giorni farò di tutto per far innamorare i genovesi del concetto di Genova che può essere meravigliosa e la città più importante del Mediterraneo". 

TOTI: LIGURIA MODELLO PER CENTRODESTRA - Esulta Giovanni Toti, considerato il regista della buona affermazione di Bucci. Il governatore della Liguria torna ad auspicare una coalizione di centrodestra "compatta e omogenea anche a livello nazionale" anche perché "il vento per un centrodestra unito è positivo". E in quest'ottica la Liguria fa da esempio: "Il modello Liguria del si impone, primi a La Spezia, conquista Cairo Montenotte (Savona), Arma di Taggia...". Per Toti la frenata dei consensi verso M5s ha due ragioni: "I 5 stelle pagano il pessimo governo delle città. A Roma con Raggi e ora a Torino con Appendino" e "i candidati imposti dall'alto. Prima dicevano uno vale uno, ora non è più così". 

AFFLUENZA - L'affluenza a Genova è in calo rispetto alle precedenti amministrative. Ha votato il 48,38% degli aventi diritto contro il 55,51% di 5 anni fa.