Federico Pizzarotti  (LaPresse)
Federico Pizzarotti (LaPresse)

Parma 12 giugno 2017 - Federico Pizzarotti, sindaco uscente di Parma, dovrà aspettare il secondo turno delle elezioni comunali 2017 per sapere se sarà ancora il primo cittadino della città emiliana. Appuntamento al 25 giugno quando dovrà affrontare al ballottaggio il candidato del centrosinistra, Paolo Scarpa. L'ex partito di Pizzarotti, il M5s, vede un crollo. Il primo ha portato a casa il 34,78% dei voti (la sua lista, Effetto Parma il 34,59%), il secondo il 32,73%. In terza posizione Laura Cavandoli, che correva per il centro destra, giunta a quota 19,28%. Ma ciò che spicca è appunto il tonfo in negativo del candidato del M5s, Daniele Ghirarduzzi che arriva appena al 3,18% (il partito al 3,48%). Staccati di molto tutti gli altri candidati, con Luigi Alfieri al 2,57%, Filippo Greci 1,98%, Laura Bergamini all'1,25%. Uno sguardo alle percentuali dei partiti vede il Pd al 14,85%, Lega Nord al 12.06%, Forza Italia al 2,7%. Anche a Parma, come nella maggioranza dei Comuni italiani, l'affluenza scende: qui ha votato il 53,68%, mentre nel 2012 aveva votato il 64,55% dei cittadini. 

Elezioni comunali Parma, i risultati aggiornati

 "Voglio dire grazie ai parmigiani che hanno creduto in un progetto nuovo, civico e libero. Arrivare al ballottaggio da soli è un risultato storico, che dimostra la forza del nostro gruppo, unito da valori e non dagli interessi. Adesso c'è bisogno di tutti per continuare a crescere. Il futuro di Parma dipende da ognuno di noi", ha scritto su Facebook Federico Pizzarotti.