Il segretario reggente del Pd Maurizio Martina (Ansa)
Il segretario reggente del Pd Maurizio Martina (Ansa)

Roma, 25 giugno 2018 - La batosta è brutta, dolorosa, urticante. Il Pd, non più solo quello dell’ex segretario, Matteo Renzi, ma anche quello del "nuovo corso" del segretario reggente, Maurizio Martina, è tramortito, sbandato, atterrito. Le ex roccaforti delle ex regioni rosse sono cadute, non solo ieri, ma in tutti questi lunghi anni, una dopo l’altra. In Emilia-Romagna ora capitola anche Imola, dove il centrodestra fa volare il candidato grillino. In Umbria, già al primo turno, era caduta Terni. In Toscana, con le brucianti sconfitte di ieri (Pisa, Massa Carrara, Siena, dove i dem locali hanno sperato fino all’ultimo), il Pd ora governa solo Firenze, e Lucca. Nardella, sindaco del capoluogo, medita di non ricandidarsi più e la Lega ha preso la rincorsa per sperare l’impensabile: vincere le regionali in Umbria e Piemonte nel 2019 e quelle in Toscana nel 2020. Resterebbero, appunto, l’Emilia-Romagna e le Marche, in teoria. 

Calenda: "Andare oltre il Pd". Martina: "No a superamento"

L’aver nascosto Renzi non è servito. La presenza in massa, nelle città al voto, dell’ormai ex premier Gentiloni, del padre fondatore Veltroni e di tanti ex ministri, non ha spostato che pochi voti. Gli appelli al 'Fronte repubblicano', invocato da tanti (dall’ex ministro Calenda agli ex di Leu), per unire ciò che sempre Renzi sembrava avesse disunito (il vecchio centrosinistra formato 'extra-large') non sono bastati. Le piccole consolazioni, sotto forma di vittoria, a Brindisi e Teramo, la riconferma di Ancona sono rondini che non fanno primavera. Il centrosinistra regge in qualche zona (i centri storici) delle principali città italiane e poco più. In intere regioni, specie al Nord, ma anche nel profondo Sud, è di fatto cancellato. Solo per restare a questi ballottaggi, è vincente in cinque sfide, ma perde nove capoluoghi a fronte del più sei del centrodestra. 

Al Nazareno il clima è plumbeo, l’aria umida come la notte romana, l’afa irrespirabile. Martina non parla, farà oggi una conferenza stampa. Matteo Ricci, responsabile degli Enti locali del Pd e sindaco di Pesaro, prende il coraggio a due mani e dice: "Quella in Toscana è una brutta sconfitta. Bene i risultati di Ancona, Brindisi, Teramo e altre città, ma la sconfitta in Toscana pesa tanto anche rispetto ai risultati, in chiaroscuro, altrove".

Andrea Marcucci, capogruppo del Pd al Senato e toscano doc, prova a spiegare: "In Toscana il risultato è senza dubbio negativo e il vento del 4 marzo non si è attenuato. Ci servirà una riflessione molto profonda, ma da fare in tempi brevi, per ripartire. L’M5S determina una svolta a destra, votando in blocco i candidati della Lega. Dobbiamo ritornare nei territori con proposte concrete. In Parlamento l’opposizione al governo di destra deve diventare una proposta credibile e totalmente alternativa". Lorenzo Guerini, vicesegretario dem in predicato di diventare presidente del Copasir (sempre che la Lega non regali a Fd’I una presidenza che deve andare all’opposizione ed essere di reale garanzia) prova a vedere il bicchiere mezzo pieno: "Dopo i buoni risultati del Pd al primo turno, con una nostra tenuta, oggi i ballottaggi sono in chiaroscuro, tra sconfitte che bruciano e vittorie importanti. Se governiamo bene e abbiamo coalizioni unite vinciamo, dove ci siamo caratterizzati per litigi e divisioni perdiamo, ma siamo in piedi e possiamo ripartire". Sarà. Prima occasione, per la "ripartenza", sarà l’assemblea del 7 luglio che dovrebbe incoronare Martina segretario fino a un congresso da spostare ben più al di là nel tempo, forse nel 2019. Non sarà, a occhio, una ripartenza indolore.