Roma, 19 gennaio 2018 - Firma a tre, nella notte, sul programma elettorale comune Fi-Lega-Fdi, mentre si verifica ancora un nulla di deciso sulla candidatura di centrodestra alla presidenza della Regione Lazio.

Giulia Bongiorno con la Lega. "Basta caos, riaprire le case chiuse"

Il secondo vertice in due settimane tra Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini si tiene a Palazzo Grazioni (e non, come promesso, in casa leghista), dura quasi tre ore e prevede, scritto nero su bianco, il "superamento" della legge Fornero, mentre la settimana scorsa il leader di Forza Italia aveva detto che "alcune cose vanno tenute".
A postare la notizia sui social è soltanto Berlusconi: 

A MATTINO 5 - Infaticabile nella sua maratona televisiva, e nonostante avesse fatto le ore piccole per il summit a tre, Berlusconi si è poi presentato a 'Mattino 5'. "Soddisfatto? Sì, è un programma lungamente approfondito. Ho cominciato a prepararlo io", ha esordito scherzando sul fatto di non essere in formissima ("Ho toccato il letto per due ore").

E subito parte con l'elenco delle promesse 'fiscali': con il centrodestra "non ci saranno più tasse sulla prima casa, neppure sull'auto, non saranno tassate le successioni né le donazioni, elimineremo l'Irap: questa flat tax è una rivoluzione globale, che porterà economia a crescere e a creare posti di lavoro". Lui, sottolinea, le promesse le mantiene: "Non c'è stata promessa fatta in campagna elettorale non mantenuta da me. Per me rispettare le promesse è la prima moralità della politica".

Quanto all'identikit del premier, Berlusconi scherza: "Dovrebbe essere qualcuno che nella vita si è posto dei traguardi importanti, rischiosi ma è riuscito a raggiungerli. Qualcuno come.. Mi viene in mente un certo Silvio Berlusconi". E spiega: "Il nostro Governo non sarà formato da tutti ministri politici di professione, ma da una maggioranza di ministri che vengono dall'Italia vera e viva che siano protagonisti della società civile, del terzo settore, imprenditori. Su 20 ministri, 12 verranno dall'Italia del lavoro e 8 soltanto dell'Italia della politica".

Poi c'è un "piano straordinario per la natalità con asili nido gratuiti e consistenti assegni familiari", "più libertà di scelta per le famiglie nell'offerta educativa e sanitaria". E sul fronte giustizia, il centrodestra toglierà l'appello per gli assolti.

REGIONALI LAZIO - Tornando all'incontro della notte, resta complicato il capitolo della candidatura a governatore del Lazio. Il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi  piace a Salvini ma non ottiene l'investitura di Berlusconi e Meloni. Nè la ottiene il candidato Fdi Fabio Rampelli sul cui nome i consensi in Fi sono cresciuti ma non ancora abbastanza. 

LA QUARTA GAMBA - "Noi con l'Italia-Udc" protesta: il vertice infatti non li ammette ancora alla sottoscrizione del programma al cui tavolo tecnico hanno partecipato. 
"Apprendiamo dalle agenzie di stampa che è stato firmato il programma della coalizione del centrodestra, ne prendiamo atto e la riteniamo una mossa sbagliata su ciò che caratterizza principalmente una coalizione", scrivono "Noi con l'Italia-Udc" Raffaele Fitto, Lorenzo Cesa, Flavio Tosi, Enrico Zanetti, Gaetano Quagliariello.