Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
22 giu 2022
22 giu 2022

Ucraina, Draghi alla Camera. "Sosterremo Kiev come da mandato"

Il giorno dopo l'addio di Di Maio al M5S. Ok alla risoluzione di maggioranza anche a Montecitorio

22 giu 2022

Roma, 21 giugno 2022 - E' il 'Day after' dell'addio di Luigi Di Maio al Movimento Cinquestelle e della scissione tra i grillini: dopo il sì del Senato anche la Camera oggi ha approvato  la risoluzione di maggioranza sulle comunicazioni di Mario Draghi in vista del Consiglio europeo di domani e dopodomani. Comunicazioni ripetute questa mattina a Montecitorio.  Il documento, che conferma l'impegno dell'Italia a sostegno dell'Ucraina nel testo identico a quello licenziato ieri da Palazzo Madama, è stato accolto con 410 voti favorevoli e 29 contrari (34 gli astenuti, tra questi i deputati Fdi). Confermato il voto a favore del Movimento 5 stelle. 

Approfondisci:

Armi all'Ucraina, cosa prevede la risoluzione della maggioranza in 10 punti

Cos'ha detto Draghi

Draghi ha ricordato che il Vertice Ue si occuperà degli sviluppi della guerra in Ucraina e il sostegno europeo a Kiev, delle ricadute umanitarie, alimentari, energetiche e securitarie del conflitto, degli aiuti a famiglie e imprese colpite dalla crisi, delle prospettive di allargamento dell'Ue e del seguito della Conferenza sul futuro dell'Europa.

Sull'Ucraina Draghi ha ribadito che "la strategia dell'Italia in accordo con l'Ue e con gli Alleati del G7 si muove su due fronti: sosteniamo l'Ucraina e imponiamo sanzioni alla Russia perché Mosca cessi le ostilità e accetti di sedersi davvero al tavolo dei negoziati". "Il Governo italiano, insieme ai partner dell'Ue e del G7, intende continuare a sostenere l'Ucraina così come questo Parlamento ci ha dato mandato di fare", ha aggiunto. Il premier ha anche ripetuto che l'Italia sostiene l'ingresso di Kiev nella Ue e ha aggiunto che le sanzioni nei confronti della Russia "funzionano", ma "i nostri canali di dialogo rimangono aperti. Non smetteremo di sostenere la diplomazia e cercare la pace, una pace nei termini che sceglierà l'Ucraina". "L'Italia continuerà a lavorare con l'Unione europea e i nostri partner del G7 per sostenere l'Ucraina, ricercare la pace, superare questa crisi. Questo è il mandato che il governo ha ricevuto dal Parlamento, da voi. Questa è la guida per la nostra azione", ha concluso Draghi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?