Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
21 giu 2022

Draghi condanna Conte all'irrilevanza

Il premier obbliga i cinquestelle a ingoiare il rospo ucraino. Ormai i grillini sono ufficialmente finiti

21 giu 2022
pierfrancesco de robertis
Politica
Italy's new Prime Minister Mario Draghi (R) and outgoing prime minister Giuseppe Conte, during the handover ceremony at Chigi Palace in Rome, Italy, 13 February 2021. Former European Central Bank (ECB) chief Mario Draghi has been sworn in on the day as Italy's prime minister after he put together a government securing broad support across political parties following the previous coalition's collapse. ANSA/ ETTORE FERRARI/pool
Mario Draghi e Giuseppe Conte (Ansa)
Italy's new Prime Minister Mario Draghi (R) and outgoing prime minister Giuseppe Conte, during the handover ceremony at Chigi Palace in Rome, Italy, 13 February 2021. Former European Central Bank (ECB) chief Mario Draghi has been sworn in on the day as Italy's prime minister after he put together a government securing broad support across political parties following the previous coalition's collapse. ANSA/ ETTORE FERRARI/pool
Mario Draghi e Giuseppe Conte (Ansa)

Giunto al bivio più pericoloso dallo scoppio della guerra, Draghi ha scelto di cavarsela con la stessa strategia con la quale è sempre venuto fuori dagli impicci: ha abbassato la  testa ed è andato avanti. Senza stare troppo a mercanteggiare e senza perdere tempo eccessivo, ha scelto di viaggiare a venti metri sulla testa degli altri, e dei Cinquestelle in particolare. E a chi ha assistito al dibattito in Senato sulla crisi ucraina, è parso quasi di vedere due diversi film. Da una parte un premier che parlava di politica internazionale, dall’altra un branco di ragazzotti un po’ indisciplinati un po’ scemotti che facevano chiasso fuori dalla classe. Uno giocava in Champions League, gli altri in terza categoria.  Un registro che ha permesso al presidente del consiglio di non scendere a patti con le bizze grilline, decretando in sostanza la fine del Movimento 5S. In politica puoi far tutto, ma sei vivo solo fino al giorno in cui dimostri di essere in qualche modo rilevante, rappresentare cioè o una risorsa o un problema. Dal discorso di Draghi in poi, i cinquestelle non sono ufficialmente più né l’uno né l’altro: non sono indispensabili per questa maggioranza perché dopo la scissione dimaiana i numeri ci sono anche senza i contiani, e non sono neppure un problema, perché nessuno di loro, dimaiani e contiani insieme, avrà la forza politica di chiedere le elezioni anticipate. Per tutti lo stipendio di qui al 2023 è troppo necessario. Giuseppe Conte si condanna quindi all’irrilevanza, perché dopo aver minacciato fuoco e fiamme per giorni ha prodotto solo formule piene di alambicchi retorici del tutto vuoti di sostanza, e nei fatti ingoia il rospo che Draghi gli voleva far ingoiare. D’altra parte tutta questa insistenza dei grillini sulle formule (ci si è spaccati per ore sulle virgole della ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?