Luigi Di Maio, leader dei 5 Stelle è nato ad Avellino il 6 luglio 1986

Roma, 22 gennaio 2020 - "...si dimette prima delle regionali. Dicono". La ‘bomba’ l’ha lanciata, via Fb, l’ormai ex grillino Gianluigi Paragone. Ma stavolta potrebbe essere vero che Luigi Di Maio sarebbe a un passo dalle dimissioni dalla leadership del M5s. Il suo staff non conferma, anzi smentisce con risolutezza, ma ci sono troppi indizi a costruire la prova di un possibile passo indietro. Compreso il fatto che Di Maio ai suoi ha spiegato di voler fare un annuncio. Una mossa che alla vigilia del voto in Emilia-Romagna, sottolinea un ‘big’ M5s, potrebbe essere tuttavia destabilizzante non solo per il Movimento, ma per l’intero esecutivo. E il primo a rendersene conto è il segretario del Pd: "Mi dispiacerebbe se lasciasse", ha commentato Zingaretti, celando le vere preoccupazioni intorno alla tenuta della maggioranza.

Quel che è certo è che la giornata di oggi sarà comunque un momento di svolta per il Movimento. Di Maio ha dato appuntamento in mattinata a palazzo Chigi alla delegazione ministeriale dei 5 Stelle. In quell’occasione – dicono fonti grilline – dovrebbe chiarire come verrà organizzata la possibile ‘cabina di regia di vertice’ fino agli Stati Generali grillini di marzo. Di questo discutevano ieri a Montecitorio, i capigruppo 5 stelle mentre è in corso l’ennesima diaspora ed è programmata per oggi la presentazione dei nuovi ‘facilitatori regionali’.

Ma potrebbe proprio essere quello il momento, si sostiene da più parti, per chiarire pubblicamente il futuro di Di Maio nel Movimento. Tra le ipotesi che circolano in Transatlantico c’è anche che il leader possa decidere di arrivare agli Stati generali di marzo come "dimissionario" mantenendo fino all’assise M5s il suo ruolo di reggente. Questa ipotesi consentirebbe alla dirigenza di traghettare il Movimento agli Stati Generali con un leader dimissionario, coadiuvato dal Comitato dei garanti costituito dal viceministro Giancarlo Cancelleri, dal sottosegretario Vito Crimi e dalla consigliera regionale Roberta Lombardi. Intanto, a sottolineare il nervosismo, ieri sono state formalizzate due nuove uscite di parlamentari: Michele Nitti e Nadia Aprile. Raggiungono i colleghi ex M5s al Misto della Camera dove a inizio anno ha traslocato anche l’ex ministro Lorenzo Fioramonti. Al Senato, invece, sono in tre a essere sul punto di lasciare e i numeri della maggioranza potrebbero diventare pericolosamente esigui.