Alessandro Di Battista con Lucia Annunziata a Mezz'ora in più (Lapresse)
Alessandro Di Battista con Lucia Annunziata a Mezz'ora in più (Lapresse)

Roma, 10 febbraio 2019 - Di Battista contro Napolitano, e Mattarella lo difende. Si può riassumere così la querelle che ha preso uil via dall'intervento di 'Dibba' a Mezz'Ora in Più su Rai 3. Lui per la verità se la prende (ancora) soprattutto con la Francia per l'intervento militare occidentale in Libia nel 2011, ma ci va di mezzo l'allora presidente della Repubblica.

"Parigi chieda scusa per quell'intervento scellerato che ha provocato esodo dei migranti e migliaia di morti in mare - attacca Alessandro Di Battista - Ha deposto Gheddafi, che pure era un dittatore, e Napolitano si é piegato in modo vile".

In difesa di Napolitano scendono in campo vari esponenti del Pd, che ribaltano l'acusa: vile sarà l'ex deputato. Anzi, "uomo minuscolo", lo definisce il senatore dem Dario Parrini. Il Pd s'impunta anche su un'altra cosa: perché la Rai dà spazio a persone che non hanno incarichi politici, in una giornata di silenzio per le elezioni in Abruzzo?

Di Battista di contro elogia l'attuale Capo dello Stato che, sostiene, "non si sarebbe mai comportato così sulla Libia".  Chissà, di certo Sergio Mattarella si schiera apertamente in difesa del suo predecessore. Il presidente, ovvio, non entra direttamente nella polemica politico-televisiva, ma prende il pretesto del Giorno del ricordo delle Foibe per elogiare Napolitano. Il messaggio del Quirinale viene letto da molti come una difesa a tutto campo dell'ex Capo dello Stato: "Nel Giorno del Ricordo, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha telefonato al Presidente emerito Giorgio Napolitano che, come ieri è stato ricordato al Quirinale (nella cerimonia sulle Foibe), ha tanto fatto per restituire alla memoria nazionale quei tragici eventi. Il Presidente Mattarella ha voluto, nell'occasione, esprimere al Presidente emerito grande apprezzamento per la sua presidenza, verso cui va la doverosa riconoscenza degli Italiani". 

Dal canto suo Lucia Annunziata, nel corso della trasmissione  Mezz'Ora in Più , ha provato a far recedere Dibba dalle parole su Napolitano, ma inutilmente. Anzi, l'esponente a 5 stelle ha coinvolto nella condanna dell'intervento in Libia anche il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, rincatando l'accusa di viltà: "ancora più vile perché lui era contrario".