Salvini in prefettura a Napoli (Ansa)
Salvini in prefettura a Napoli (Ansa)

Roma, 10 maggio 2019 - E' in arrivo un decreto sicurezza bis. Lo ha annunciato il vicepremier Matteo Salvini, oggi a Napoli per un incontro in Prefettura dopo gli arresti legati alla sparatoria di piazza Nazionale. Il provvedimento servirà a dare maggiore risorse gli uomini delle forze dell'ordine e agli uffici giudiziari, ha spiegato il ministro dell'Interno. "Ci sono 20mila delinquenti in giro per Napoli con sentenze passate in giudicato e la Giustizia per mancanza di personale non riesce a proseguire il compito dopo gli arresti". Ma il cuore della norma è una stretta sulle ong salva-migranti. 

Cosa prevede 

Cosa contiene il decreto in dettaglio? Si tratta di 12 articoli che prevedono, oltre alla già annunciata norma "spazza clan"  per smaltire l`arretrato nei tribunali (con l'istituzione di un commissario straordinario) , anche un giro di vite in materia di sbarchi, soccorso in mare e immigrazione clandestina che passerà anche dal potenziamento delle operazioni sotto copertura. Il provvedimento inasprisce le misure contro il "traffico di esseri umani nel Mediterraneo" e dispone il dispiegamento di "500 militari in più a Napoli per  le Universiadi 2019".  Il testo redatto dal Viminale dovrà passare al vaglio del Consiglio dei ministri per l'approvazione. 

Decreto sicurezza 2, bozza in pdf

 

PIÙ POTERI AL VIMINALE - Tra le novità del decreto sicurezza 2 anche una norma in materia di Codice di Navigazione che attribuisce "al Ministro dell'Interno la competenza a limitare o vietare il transito e/o la sosta nel mare territoriale qualora sussistano ragioni di ordine e sicurezza pubblica". In questo modo si sottrae potere al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che resta competente per "le sole finalità di sicurezza della navigazione e di protezione dell'ambiente marino". 

SOCCORSO IN MARE, MULTE A CHI NON RISPETTA GLI OBBLIGHI - All'articolo 1 il decreto sanziona con multe fino a da 3.500 euro a 5.500 "chi, nello svolgimento di operazioni di soccorso in acque internazionali, non rispetta gli obblighi previsti dalle Convenzioni internazionali, con particolare riferimento alle istruzioni operative delle autorità SAR competenti o di quelle dello Stato di bandiera". Nei casi più gravi "e laddove la violazione sia commessa da navi battenti bandiera italiana"  è prevista la "sospensione da 1 a 12 mesi o la revoca della licenza o dell'autorizzazione".  

STRETTA SULLE MANIFESTAZIONI VIOLENTE -  Il drecreto vuole "colpire più severamente coloro che si oppongono a pubblici ufficiali e incaricati di pubblico servizio attraverso l'utilizzo di scudi o altri oggetti di protezione passiva, di materiali imbrattanti; coloro che utilizzano razzi, fuochi artificiali, petardi od oggetti simili; nonché coloro che fanno ricorso a mazze, bastoni o altri oggetti contundenti". Sanzioni più dure in caso di "reati di devastazione, saccheggio e danneggiamento, commessi nel corso di riunioni effettuate in luogo pubblico o aperto al pubblico". L'articolo 6 prevede maggiore tutela per gli operatori delle forze di polizia impiegati in servizio di ordine pubblico, attraverso l'introduzione di nuove fattispecie di reati, la ''trasformazione'' di attuali contravvenzioni in delitti e l'inasprimento delle sanzioni. Si elimina inoltre "la vigente possibilità di configurare la causa di esclusione della punibilità per 'particolare tenuità del fatto' in caso di reato di violenza, resistenza, minaccia e oltraggio commessi a danno di un pubblico ufficiale nell'esercizio delle proprie funzioni". 

Critiche dal Movimento 5 Stelle. Secondo fonti pentastellate citate dall'agenzia Adnkronos, Salvini si sta "spingendo verso temi sempre più estremisti". I grillini aspettano "ancora i risultati dei rimpatri". 

image