Scontro, Matteo Salvini e Luigi De Magistris
Scontro, Matteo Salvini e Luigi De Magistris

Napoli, 3 gennaio 2019 - Dopo aver aderito, ieri, alla 'rivolta dei sindaci' contro il decreto Sicurezza sollevata da Leoluca Orlando, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris oggi va oltre, nella politica della disobbedienza. E si dichiara pronto ad aprire il porto partenopeo ai 32 migranti a bordo della Sea Watch. Un modo per ingaggiare un 'corpo a corpo' politico con Matteo Salvini, 'patron' del provvedimento. E difatti il vicepremier chiamato in causa risponde in un lampo, e a muso duro: "I porti italiani sono chiusi, abbiamo accolto già troppi finti profughi, abbiamo arricchito già troppi scafisti!". 

Decreto sicurezza e immigrazione, perché i sindaci protestano

SALVINI: "SINDACI AMICI DEI CLANDESTINI" - Poi alza il tiro: "Certi sindaci rimpiangono i bei tempi andati sull'immigrazione, ma anche per loro è finita la pacchia!". E mentre cresce il fronte anti decreto nei Comuni a maggioranza di centrosinistra, con la discesa in campo del primo cittadino di Milano, Giuseppe Sala, arriva l'affondo: "Se c'è qualche sindaco che non è d'accordo si dimetta - incalza il ministro -. Orlando e De Magistris dimettetevi. Se c'è una legge approvata dal Parlamento, dal governo e firmata dal Presidente della Repubblica, si rispetta". Quindi, in un post su Facebook, attacca: "Amici dei clandestini, traditori degli italiani!". 

SINDACI PRO DECRETO: HA PRINCIPI GIUSTI - Interviene anche il vicepremier pentastellato Luigi Di Maio, che derubrica la protesta come "una campagna elettorale di sindaci che si devono sentire un po' di sinistra". E Palazzo Chigi avverte: "Disapplicare una legge che non piace equivale a violarla, con tutte le conseguenti responsabilità'". Il governo apre alla richiesta di un incontro con l'Anci, anche se sulla possibilità di modificare la legge, il vicepremier leghista è tranchant. "Con tutta la buona volontà il decreto sicurezza lo abbiamo già discusso, limato per tre mesi e migliorato". Intanto i sindaci pro decreto scrivono a Antonio Decaro, presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani, sottolineando che il provvedimento "contiene principi giusti". Lui, in previsione di un tavolo con Conte e Salvini convoca per il 10 gennaio "una nuova riunione del comitato direttivo". 

PERCHE' PROTESTANO I SINDACI - A scatenare la presa di posizione dei sindaci è in particolare, ma non solo, l'articolo 13 del decreto che - spiega Carla Nespolo, presidente dell'Anpi - "nega al richiedente asilo in possesso del permesso di soggiorno la possibilità di iscriversi all' anagrafe e quindi di avere la residenza, impedendogli di conseguenza di usufruire di qualsiasi servizio, a cominciare dall'assistenza sanitaria. Migliaia e migliaia di persone, pur presenti legalmente nel nostro Paese, sono così giuridicamente cancellate". Per il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, "la questione di gran lunga più grave è la cancellazione, con poche marginali eccezioni, del permesso di soggiorno per motivi umanitari, che si traduce in un forte aumento dei dinieghi e del numero di stranieri che, ben lungi dall'essere rimpatriati, resteranno sul territorio da irregolari, condannati a vivere di espedienti". Tutto questo "porterà ad una crescita dei reati e dell'insicurezza nelle città, esattamente l'opposto di quanto Salvini dichiara di voler perseguire". 

SCHEDA / Decreto sicurezza, cosa prevede in 6 punti

DE MAGISTRIS - "Mi auguro che la Sea Watch si avvicini al porto di Napoli  - ha detto De Magistris a Radio Crc - perché contrariamente a quello che dice il Governo noi metteremo in campo un'azione di salvataggio e la faremo entrare in porto. Sarò il primo a guidare le azioni di salvataggio".

"I comportamenti dei governanti si avvicinano a quelli dei trafficanti di esseri umani - attacca il sindaco partenopeo usando parole forti contro il Governo - perché se loro lucrano su questa gente, i governanti lucrano politicamente facendo credere alle persone che l'infelicità dei Paesi occidentali sia dovuta alla gente e ai bambini che stanno morendo in mezzo al mare".

Secondo de Magistris "lasciare persone e bambini in mezzo al mare con il gelo e la tempesta è qualcosa di indegno, criminale". Il sindaco poi fa un appello al premier Giuseppe Conte: "Mi auguro che da alcune componenti più sensibili di questo Governo si senta battere un colpo perché non ci sto più nemmeno a dire che è solo Salvini perché se fosse così significa che è diventato il padrone del Governo. Il Governo ha una sua collegialità, il premier batta un colpo e ci faccia sapere se siamo il Paese che fa morire i bambini in mezzo al mare. Se siamo arrivati a questo c'è da fare ben altro che la disobbedienza civile". 

Migranti, la Sea Watch può entrare nelle acque di Malta

image

ORLANDO: VADO DAL GIUDICE - Intanto Leoluca Orlandoil primo a sollevare il polverone, spiega a Sky TG24: "Ho disposto la sospensione del Decreto sicurezza e dato incarico all'ufficio legale di adire il giudice. Vado dal magistrato perché non posso andare alla Corte Costituzionale, occorre sollevare la questione incidentalmente in un giudizio". Il sindaco di Palermo spiega che "tra 4-5 mesi in città 80 minorenni, che studiano, lavorano e sono ospiti in comunità dove vivono ben integrati, compiranno 18 anni e dunque saranno illegali: è la conferma che questo decreto sicurezza è disumano e criminogeno". L'invito di Salvini a dimettersi "è la prova che non ha capito niente e che viviamo in mondi diversi. Io sto agendo da sindaco". 

NARDELLA E IL MODELLO FIRENZE - "A Firenze non violeremo alcuna legge - dice il sindaco dem Dario Nardella -. Apriremo un tavolo con tutto il mondo del volontariato, del terzo settore, del lavoro e delle istituzioni locali per azzerare gli effetti nefandi e negativi di questo decreto, in attesa che si apra una vertenza vera a livello nazionale non per sospendere la legge ma per riscriverla in molte sue parti". E aggiunge: "Stiamo valutando insieme ai nostri avvocati e con alcuni costituzionalisti anche una strada perché si possa arrivare alla Corte Costituzionale".

Poi precisa: "Il modello Firenze coniuga legalità e accoglienza. Il mio è buonsenso, non è buonismo e il nostro obiettivo è riscrivere una legge sbagliata e pericolosa perché genera più insicurezza e soprattutto mette in mezzo alla strada migliaia di persone con il rischio di morire o di finire in mano alla criminalità visto che questo governo non sta facendo neanche i rimpatri che aveva promesso. È un fatto molto chiaro: il decreto non è contro gli immigrati, è contro i cittadini".

Milano, Sala: Salvini ci ripensi

SALA: SALVINI CI RIPENSI - Contro il decreto anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. "Ministro Salvini, ci ascolti e riveda il decreto sicurezza, così non va!", è l'appello lanciato su Facebook dal primo cittadino milanese. Bisogna "valutare impatto sociale ed economico" del provvedimento.

DI MAIO - La protesta dei sindaci? "Penso che sia solo campagna elettorale. Si devono sentire un po' di sinistra facendo questa roba - dice il vicepremier a 5 stelle - Se vuoi sentirti di sinistra metti mano ai diritti sociali di questo Paese, quelli che invece la sinistra ha distrutto in questi anni. Qui ormai per sentirsi un po' di sinistra ci propinano questa cosa: pensiamo come sono messi male". E già che c'è sottolinea: "il reddito di cittadinanza è per coloro che sono cittadini italiani", smentendo così che la misura 'simbolo' dei 5 stelle possa essere anche destinata anche ai migranti.

MARTINA - "I sindaci stanno ponendo una questione cruciale di rispetto dei principi costituzionali che anche noi abbiamo sollevato in Parlamento durante la discussione sul decreto Salvini", commenta da parte sia Maurizio Martina, candidato alla segreteria del Pd. E al ministro dell'Interno dice: "Caro Salvini, con te solo propaganda che fomenta insicurezza e 100mila irregolari in più in due anni. Coi sindaci lasciati soli a governare, senza strumenti efficaci e con conflitti di competenze pericolosi che rendono impossibile gestire con serietà e rigore le situazioni più delicate. L'esatto contrario di quello che vende via social il ministro''.

image