Strasburgo, 10 gennaio 2022 - David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, è ricoverato in una struttura ospedaliera in Italia dallo scorso 26 dicembre. Lo ha comunicato il suo portavoce Roberto Cuillo, spiegando che "tale ricovero si è reso necessario per il sopraggiungere di una grave complicanza dovuta a una disfunzione del sistema immunitario". Pertanto tutta la sua attività istituzionale all'Europarlamento è cancellata.

Sassoli era stato assente dal suo incarico dal mese di settembre fino a inizio novembre per "una polmonite molto cattiva dovuta al batterio della legionella", come lui stesso aveva spiegato in un video. Per questo motivo era stato ricoverato a Strasburgo, dove ha ricevuto le prime cure mediche, e poi in Italia. C'era poi stata una ricaduta, ma Sassoli rientrato al lavoro il 22 novembre scorso aprendo la sessione plenaria del Parlamento Europeo. 

La prossima settimana è prevista la votazione per il nuovo presidente dell'Europarlamento. Peraltro, lo scorso 15 dicembre, Sassoli aveva fatto sapere, attraverso i suoi profili social, che non si sarebbe ricandidato per questo incarico. "Ringrazio per le tante sollecitazioni, ma ho deciso di non ricandidarmi - ha scritto -. Il fronte europeista rischierebbe di dividersi, e sarebbe andare contro la mia storia, le nostre convinzioni, le nostre battaglie. Non posso permetterlo". 

A Sassoli sono arrivati gli "auguri di pronta guarigione" dalle delegazioni al Parlamento europeo del Movimento 5 stelle, della Lega e di Fratelli d`Italia-Ecr, oltre al gruppo S&d. "Forza David", ha twittato il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta. "Con #David", ha invece scritto il commissario Ue per l'Economia, Paolo Gentiloni. A loro si sono uniti altri esponenti del Pd, ma anche Ettore Rosato a nome di Italia Viva.